Scopre che il figlio va male a scuola ora entra in classe con lui tutti i giorni

I genitori tendono sempre a difendere i figli, ma questo non è il caso del papà di Brad che ha preso un provvedimento davvero particolare

Home > Attualità > Scopre che il figlio va male a scuola ora entra in classe con lui tutti i giorni

Competere con i figli, soprattutto in età adolescenziale, può essere un compito davvero arduo per i genitori. Molti ragazzi possono avere una personalità difficile e tutti sono naturalmente irrequieti. Ecco perché essere padre è un lavoro complicato ma allo stesso tempo gratificante. Anche le insegnanti in questa età hanno un grosso compito: gestire giovani ed educarli nonostante non siano i loro figli.

Non riesco ad immaginare la frustrazione di un professore che deve sopportare 25/26 adolescenti che fanno rumore in calse ogni giorno, a volte senza controllo. Deve essere esasperante ed estenuante.

brad

Alcuni genitori però sanno come punire adeguatamente i loro figli ed è quello che è successo a Brad. Il padre del ragazzo continuava a ricevere email e chiamate dall’insegnante di fisica che, esasperata, si lamentava dei comportamenti di Brad, dei suoi scherzi e del disordine che provocava in classe, così suo padre ha agito di conseguenza.

La vicenda è accaduta in Texas, negli Stati Uniti, l’uomo disse a suo figlio che se non avesse cambiato il suo pessimo comportamento in classe, l’avrebbe accompagnato ogni giorno a scuola e si sarebbe seduto accanto a lui per tutta la durata della lezione.

brad-e-padre

Bene, il diciassettenne però non ha preso l’avvertimento sul serio e ha fatto un grosso errore. Il padre infatti è stato assolutamente di parola, non è un tipo che ama scherzare e così ha davvero accompagnato il figlio in classe tutti i giorni finché l’adolescente non ha capito la lezione.

La sorella di Brad, Molli, ha condiviso su Twitter un’acquisizione dei messaggi di testo in cui il  padre le dice che Lè seduto accanto a Brad mentre il giovane faceva i compiti. Il padre ha colto l’occasione per farsi un selfie e pubblicarlo per far vergognare un po’ il ragazzo.

scuola

“Mio padre disse a mio fratello che se avesse ricevuto un’altra telefonata dall’insegnate di fisica si sarebbe seduto in classe con lui.. e beh, purtroppo ha ricevuto un’altra chiamata” scrive Molli