Scopre la sua malattia grazie al dentista

Era un anno che soffriva di fortissimi dolori allo stomaco, ma i dottori continuavano a dirle che non aveva niente. Poi le capita di fare una visita di routine dal dentista e finalmente scopre cosa la sta facendo soffrire da così tanto tempo

Normalmente quando un paziente ha sintomi fastidiosi che influenzano la sua qualità di vita, il minimo che ci si aspetta è ricevere una diagnosi e un trattamento corretto per alleviare il suo dolore. Ma sfortunatamente non è sempre così. A Rosie Campbell, una ragazza di 28 anni dell’Essex, è stata diagnosticata la malattia di Crohn.

Prutto però però che i medici capissero di cosa si trattava, la ragazza ha vissuto momenti di dolore e angoscia, per molto tempo non ha capito che cosa le stesse accadendo. Rosie non avrebbe mai immaginato che quello che inizialmente era un appuntamento dal dentista di routine avrebbe finito col dare la risposta a tutti i dubbi sul suo mal di stomaco che l’aveva accompagnata per più di un anno.

La sua storia è iniziata quando aveva appena 13 anni e ha iniziato a sentire dolore allo stomaco. Andare in bagno era davvero un’agonia. Ha visitato il suo medico di famiglia un numero illimitato di volte e lui le ha sempre detto che tutto andava bene. Il medico prescriveva semplicemente alcune medicine per il mal di stomaco.

“Ero così spaventata, nessuno sapeva cosa non andava. Il medico continuava a dire che non avevo nulla. ” Trascorse un anno intero con forti dolori di stomaco, davvero ogni volta che andava in bagno era un’agonia. “Ho pianto quasi ogni notte perché avevo paura persino di provare ad andare in bagno. Il dolore era come il vetro che mi taglia.”

Nel 2003 è andata a un consulto di routine con il suo dentista e solo dopo aver completato il trattamento antibiotico non andato a buon fine, l’ha indirizzata a uno specialista. “Certo, la penicillina non ha mai funzionato e sono finita in ospedale una settimana dopo per fare una biopsia.”

Infine, i risultati hanno confermato che aveva il morbo di Crohn, una condizione che dura tutta la vita che infiamma il rivestimento dell’apparato digerente. Alcuni mesi dopo la sua diagnosi le fu detto che aveva bisogno di una sacca per colostomia.

“Ricordo il giorno in cui mi sono seduta nella clinica del Royal London Hospital con mia madre, ho letto un poster sul muro e chiesto cosa fosse, mi ha detto che non ne avrei mai avuto bisogno. Non sapevo che stava per accadere un incubo.” Adorava la sua scuola e non mostrò mai interesse ad avere un ragazzo, ma quando seppe che doveva usare una borsa, fu presa dal panico.

“Mi chiedevo solo perché io?” È diventata una persona scortese e si arrabbiava per tutto. Si rifiutò di mettere la borsa finché non stava per perdere la vita.” “Mi hanno detto che avrei avuto bisogno della colostomia per un anno e mezzo o due anni. Ho combattuto con i dottori per sei mesi prima che mi dicessero che se non l’avessi indossato, sarei finito con la setticemia.”

Nel marzo 2005 ha quasi perso la vita a causa di un insufficienza cardiaca e ha finito per nutrirsi con un tubo che passa attraverso il naso. Le sue opzioni erano limitate: mettersi la borsa e lottare per la sua vita o non metterla e perdere la vita.

Nel 2011, la sacca per colostomia di Rosie è diventata un’ileostomia, una procedura chirurgica in cui una parte dell’ileo è esposta attraverso un’apertura nella parete addominale, per consentire il passaggio delle feci. Non voleva la borsa, gli dava fastidio e non si adattava alla sua vita, ma alla fine trovò la pace e si sentì più felice ad accettarla.

È molto grata principalmente a sua madre, che le è stata accanto ed è stata comprensiva e guerriera nei suoi momenti più bui. “Sono stata ispirata dalle storie di altri. Sono così felice di averlo fatto. Vorrei averlo fatto prima. ” Sebbene sentisse di aver perso molte occasioni di relazionarsi per la vergogna e la paura di spiegare ciò che aveva, per fortuna ha trovato la felicità con Reece, l’amore della sua vita.

Paolo è spirato nel sonno alla tenera età di 16 anni. A trovarlo sono stati i genitori

Paolo è spirato nel sonno alla tenera età di 16 anni. A trovarlo sono stati i genitori

"Il Covid l'ha portato via in soli 5 giorni": Il commovente post di addio di Salvatore Esposito

"Il Covid l'ha portato via in soli 5 giorni": Il commovente post di addio di Salvatore Esposito

Muore 26enne mentre fa le pulizie nel bar: lascia due figli piccoli

Muore 26enne mentre fa le pulizie nel bar: lascia due figli piccoli

Tragico incidente a Biella, muore un ragazzo 15enne

Tragico incidente a Biella, muore un ragazzo 15enne

Grave incidente a Caivano, padre di 48 anni ha perso la vita davanti agli occhi dei figli

Grave incidente a Caivano, padre di 48 anni ha perso la vita davanti agli occhi dei figli

Terremoto Sud Italia, la paura ha costretto i residenti ad abbandonare le loro case

Terremoto Sud Italia, la paura ha costretto i residenti ad abbandonare le loro case

Imperia, bimbo di 2 anni caduto dal balcone. Nel 2017 il fratellino ha perso la vita in un incidente simile

Imperia, bimbo di 2 anni caduto dal balcone. Nel 2017 il fratellino ha perso la vita in un incidente simile