Scoprono che i suoi attacchi di ira erano causati da un tumore al cervello

Pensavano che le urla del loro figlio fossero dovuti a capricci o stanchezza, ma poco dopo hanno scoperto qualcosa nella sua testa.

I genitori di Manson erano felici in attesa del suo arrivo, ma mesi dopo la loro gioia si trasformò in angoscia; dopo aver appreso che il loro secondo figlio, Jenson, aveva un tumore al cervello. Nel luglio 2017, Kimberly ha dato alla luce il suo terzo figlio, Manson. Il bambino è nato prematuro, dopo un parto cesareo d’emergenza.

Iniziò dunque una fase difficile per la famiglia. Dopo il taglio cesareo, Kimberly ha impiegato 10 settimane per riprendersi. Durante questo periodo il piccolo Jenson Shamtally-Tedder, il suo secondo figlio, si lamentava del costante mal di testa. Anche quando il ragazzino andò a trovare suo fratello Manson all’ospedale, presentò un piccolo episodio di isteria. Jenson iniziò a urlare per quasi un minuto, tenendosi la testa ma in un attimo si riprese dal dolore.

La madre convalescente ha ritenuto che gli episodi potessero essere capricci o stanchezza, dal momento che Jenson è sempre stato un bambino abbastanza attivo. I disagi di Jenson continuarono: i mal di testa continuavano a ripetersi ma solo per brevi periodi. Successivamente però, il bambino iniziò a perdere l’equilibrio e tendeva a cadere senza una ragione apparente. Nonostante ciò, i suoi genitori non potevano sospettare che un tumore gli stesse crescendo in testa.

“Non potevo immagginarmi, di tenere un neonato tra le braccia, e di averne un’altro con un tumore al cervello nella stessa stanza. Mi sento in colpa per non aver notato i suoi sintomi prima, ma al momento non avevo la forza fisica o mentale per mettere in discussione qualcosa “, ha detto Kimberly.

All’inizio dell’anno scolastico, Jenson entrò all’asilo e sua sorella, Sophia-Rose, ritornò a scuola e tutto sembrava andare bene. Tuttavia, a novembre, quando un giorno andò a prendere Jenson a scuola, le fu riferito che l’occhio del bambino aveva iniziato a rotolare all’indietro per alcuni secondi. Quel sintomo allarmò la madre, che decise di contattare il medico di famiglia; incapace di fissare un appuntamento, Kimberly lo portò al pronto soccorso. All’arrivo in ospedale, il bambino barcollava e si lamentava del suo mal di testa. Fu subito posto sotto osservazione. Quella notte, il marito di Kimberly era tornato a casa per stare con Rose e Manson, mentre la madre in ospedale riceveva la straziante notizia. La radiografia mostrava un tumore delle dimensioni di un’uvetta nel cervello di Jenson, il bambino doveva sottoporsi a un intervento chirurgico.

“Un’infermiera mi portò in una stanza laterale, e vidi che aveva una lacrima agli occhi. Tuo figlio ha un tumore al cervello, mi disse. Jenson giocava felicemente con le macchine e rideva con un’infermiera, mentre io ero seduta a piangere nella stanza accanto ”, ricorda Kimberly.

Kimberly e Jenson furono trasferiti al St. George’s Hospital, a Londra, su un’ambulanza. Mentre suo marito li raggiunse con gli altri bambini, dopo aver sentito la notizia. Pochi giorni dopo aver appreso la diagnosi, Jenson è stato sottoposto a due operazioni salvavita. All’inizio fu operato per drenare il fluido accumulato nel suo cervello, altrimenti l’immensa pressione avrebbe potuto ucciderlo. La procedura ha richiesto più di due ore. Quella stessa settimana è tornato in sala operatoria per rimuovere il tumore. Fortunatamente, la maggior parte del tumore è stato rimosso ed i risultati della biopsia hanno rivelato che si trattava di un astrocitoma pilocitico di grado 1 (un tumore non canceroso). Dopo l’operazione, Jenson è stato in ospedale per otto settimane e per quattro mesi nell’unità di riabilitazione neurologica. Questo periodo è stato decisivo nella vita della famiglia, una fase piuttosto complicata per i genitori di tre figli.

“Mi sentivo costantemente divisa tra i bisogni dei miei figli. Ho sempre deluso qualcuno. Jenson aveva bisogno di me, Mason era ancora un neonato e Sophia-Rose piangeva quando dovevo andarmene. Trascorrere così tanto tempo lontana ha reso mio marito Adam ed io a volte separati l’uno dall’altro ”, ha confessato Kimberly.

 

Nel maggio dello scorso anno, Jenson è stato dimesso e la famiglia finalmente si riunì. Dopo tempi così difficili, la famiglia ha fatto un viaggio in Portogallo grazie a un premio che Adam ha vinto alla lotteria. Quel tempo era essenziale per energizzarsi e continuare il lungo processo di recupero di Jenson. Il bambino ha dovuto imparare a mangiare e camminare di nuovo, il suo spirito è bloccato in un corpo che sta imparando di nuovo a controllare. A seguito della loro esperienza, la famiglia partecipa a numerose campagne per segnalare i pericoli e i sintomi dei tumori cerebrali.

Alex Zanardi: aggiornamento sulle condizioni dell'atleta paralimpico

Avezzano, Vittorio Emi accoltella la moglie e si lancia dalla finestra

Donna arriva a pesare più di 300 chili per compiacere il fidanzato

Torino, Claudio Baima Poma uccide il figlio di 11 anni e poi si toglie la vita

Trovato un corpo nel fiume Adda: potrebbe essere la 15enne scomparsa

Luca Berlingerio morto a 5 anni, durante un matrimonio

Morte Viviana Parisi, parla l'avvocato Claudio Mondello: "Non si è suicidata"