Si innamora dell’amante e chiede il divorzio alla moglie

Sono tornato a casa una sera e, quando mia moglie stava servendo la cena, le ho preso la mano e ho detto: “Voglio il divorzio”. Non sembrava arrabbiata nonostante le mie parole. Invece, mi ha chiesto gentilmente perché. Ho evitato la domanda e questo l’ha resa furiosa. Mi lanciò qualcosa e urlò: “Non sei un uomo!”



COMPRA QUI PETFOUNTAIN!

Quella notte non abbiamo parlato. Stava piangendo. Sapevo che voleva sapere cosa era successo nel nostro matrimonio e non potevo darle una risposta soddisfacente: il mio cuore ora era di Jane. Non l’amavo più. Provavo solo compassione. Con un grande senso di colpa, ho fatto un accordo di divorzio dicendo che poteva tenere la casa, l’auto e il 30% della mia azienda. Lei lo guardò e lo fece a pezzi. La donna che aveva passato dieci anni della sua vita con me era diventata un’estranea. Mi dispiaceva per la sua perdita di tempo, risorse ed energia, ma non potevo tornare indietro. Alla fine, si mise a piangere inconsolabile di fronte a me, che era quello che mi aspettavo di vedere all’inizio. L’idea del divorzio sembrava più reale ora. Sono tornato a casa molto tardi dal lavoro il giorno dopo e l’ho trovata mentre scriveva qualcosa sul tavolo. Non ho cenato, sono andato dritto a letto e mi sono addormentato. Al mattino ha presentato le sue condizioni per il divorzio: non voleva niente di mio, ma ha chiesto che durante il mese successivo entrambi provassimo a vivere una vita il più normale possibile. Le sue ragioni erano semplici: nostro figlio aveva gli esami quel mese e non voleva disturbarlo con la nostra rottura.

Mi ha anche chiesto di ricordare come l’avevo portata nella stanza il giorno del nostro matrimonio e ha chiesto di essere trasportata dalla stanza alla porta di casa ogni mattina per un mese. Pensavo che fosse impazzita, ma per rendere i nostri ultimi giorni insieme tollerabili, ho accettato la sua strana proposta.

Eravamo un po’ disorientati il primo giorno in cui l’ho portata fino alla camera, ma nostro figlio ha applaudito dietro di noi mentre felicemente cantava: “papà la prende tra le sue braccia”. Le sue parole mi hanno fatto male. L’ho portata dalla stanza alla sala da pranzo e poi alla porta. Chiuse piano gli occhi e disse: “Non dire a nostro figlio del divorzio”, annuii e la lasciai fuori dalla porta.

Non eravamo così goffi il secondo giorno. Si appoggiò al mio petto e potei sentire l’odore della sua camicetta. Mi sono reso conto che non avevo guardato questa donna per molto tempo. Non era più giovane. C’erano sottili rughe sul suo viso e i suoi capelli stavano diventando grigi. Il nostro matrimonio aveva preso il suo giovinezza. Per un minuto mi chiesi cosa gli avesse fatto.

Il quarto giorno, quando l’ho presa in braccio, mi sono sentito un po’ più vicino a lei. Questa era la donna che mi aveva regalato dieci anni della sua vita. Nel quinto e sesto, mi resi conto che il nostro senso di intimità stava crescendo di nuovo. È diventato più facile prenderla con il passare del tempo e ho capito che stava perdendo molto peso.

Una mattina sono rimasto scioccato dal modo in cui lei stava seppellendo così tanto dolore e amarezza nel suo cuore, e senza pensarci troppo le ho toccato la testa. Nostro figlio venne e disse in quel momento: “Papà, è ora di portare fuori mamma”. Per lui, vedere suo padre prendere sua madre era diventata una parte fondamentale della mattinata. Mia moglie fece cenno a nostro figlio di avvicinarsi e lo abbracciò forte. Ho girato la mia faccia perché avevo paura di cambiare idea. L’ho portata tra le mie braccia e la sua mano naturalmente mi ha avvolto il collo. Tenevo stretto il suo corpo, proprio come il giorno del matrimonio.

L’ultimo giorno, quando l’ho presa tra le braccia, ho potuto a malapena fare un passo. Sapevo cosa dovevo fare. Andai a casa di Jane, salii le scale e le dissi: “Mi dispiace, Jane, ma non voglio più divorziare da mia moglie”. Tutto è diventato molto chiaro per me. Ho portato a casa mia moglie il giorno del nostro matrimonio e devo stare con lei “finché morte non ci separi”. Ho comprato un mazzo di fiori per mia moglie mentre tornavo a casa e quando il fioraio mi ha chiesto cosa scrivere sul biglietto, ho sorriso e ho detto: “Ti porterò ogni mattina finché la morte non ci separerà”.

Sono entrato in casa con i fiori in mano e un grande sorriso sulla mia faccia. Ma mia moglie era morta mentre ero fuori. Scoprì che lei aveva combattuto il cancro per mesi, ma ero troppo occupato con Jane per notarlo. Sapeva che sarebbe morta presto, ma voleva evitare una reazione negativa da parte di suo figlio. Agli occhi di nostro figlio, almeno, sembro ancora un buon marito. L’ho presa per l’ultima volta …

I piccoli dettagli delle nostre vite, che all’inizio pensavamo fossero noiosi o privi di importanza, sono ciò che conta davvero, sono ciò che conta davvero in una relazione; non la villa, l’auto, le proprietà o il denaro in banca. Queste cose possono creare un ambiente che porta alla felicità, ma non possono fornire felicità dentro noi stessi. Quindi è il momento di essere amici del proprio partner e fare quelle piccole cose che costruiscono l’intimità. Molte persone non si rendono conto di ciò che hanno finché non lo perdono.

Condividi questa storia bellissima e incredibilmente significativa con tutti