Spedita in orfanotrofio

Divorziano dopo aver avuto una bambina, la madre arrabbiata spedisce la figlioletta in un orfanotrofio in Giappone piuttosto che lasciarla al padre. L'uomo chiede aiuto per trovare sua figlia.

La fine di un matrimonio non dovrebbe influire sul legame di un padre con i suoi figli. Almeno questo sarebbe il modo più sano di crescere i figli, in modo che la decisione presa non pesi tanto nella vita dei bambini. Tuttavia, non sempre accade in questo modo.

Purtroppo, ci sono genitori che decidono di influenzare negativamente il bambino contro il padre o la madre, o decidono di portarli via dall’altra persona senza pensare a ciò che può provare la creatura indifesa. Ma il caso di un uomo del Brasile ha lasciato tutti con il cuore spezzato. Allan Vieira Okuma, 35 anni, ha denunciato che la sua ex ha abbandonato la figlia dodicenne in un orfanotrofio in Giappone per separarla da lui e ora sta cercando di recuperarla. Il signor Okuma vive attualmente a Praia Grande, sulla costa di San Paolo, ma per oltre 14 anni ha vissuto in quel paese asiatico. Lì ha incontrato sua moglie nel 2004 con la quale ha formato una famiglia. Dopo quattro anni, Okuma ha deciso di sposare la donna e come risultato di quella relazione è nata una bambina. Tuttavia, la sua storia d’amore sembrava essere finita e l’uomo ha deciso di divorziare nel 2017. Dopo questo, la donna ha deciso di togliere il cognome paterno alla ragazza anche se l’uomo ha rispettato i suoi doveri di mantenimento e aveva il diritto di visitarla. Allan ha pregato la donna di ridare il suo cognome alla figlia, ma lei non era d’accordo. “Mi sento frustrato, impotente, mia figlia ha bisogno di me e non sa nemmeno che la amo, non ho idea di cosa le abbia detto la madre.”

“Non riesco a dormire, non riesco a concentrarmi sul lavoro, piango solo pensando a lei. Sono molto disperato”, ha detto Allan Vieira Okuma. Nel 2014, questo residente ha deciso di tornare nel suo paese di origine da cui era partito con il padre quando era un adolescente di 12 anni.

Allan è tornato in Brasile e ha mantenuto i contatti con sua figlia, l’uomo ha insistito affinché la donna facesse viaggiare la bambina per vederlo, ma non ha mai accettato. Nel 2017, l’uomo è tornato in Giappone con un visto turistico che gli ha dato il permesso di rimanere solo tre mesi nel paese. Durante questo periodo, il signor Okuma è stato in grado di stare di nuovo con la sua bambina, ma i mesi sono passati e lui è tornata nel suo paese.

Scosso dall’assenza di sua figlia, Allan ha insistito affinché la madre gli desse la custodia della piccola, cosa che lei ha rifiutato. Tuttavia, pochi mesi dopo la sua ex lo chiamò dicendo che era d’accordo e l’uomo iniziò il processo per chiedere la custodia della bambina, ma questo era complicato perché la ragazza non aveva più il suo cognome.

“Dopo un po ‘, lei [ex moglie] ha chiamato chiedendomi se volevo ancora stare con lei, ho detto sì, gli ho chiesto che cosa era successo, e lei non mi risposto niente”, dice Allan. L’uomo sostiene di aver avviato il processo per reclamare la ragazza ma si è dovuto fermare perché non poteva coprire le spese degli avvocati. Questo fatto ha fatto arrabbiare la donna. “Sua madre ha visto che stavo ritardando e ha iniziato a fare minacce. Ha detto che se non avevo intenzione di tenerla, avrebbe messo mia figlia in adozione, ma pensavo che fosse una bugia, pensavo che fosse per darmi fretta.”, lamenta Allan.

Da quel momento perse ogni contatto con la sua ex e sua figlia. La donna ha risposto solo sporadicamente con alcuni messaggi attraverso Facebook. Nonostante tutto, Allan non ha desistito e l’anno scorso ha individuato il numero di telefono della sua ex-suocera e attraverso di essa ha appreso il peggio: sua figlia è stata consegnata ad un orfanotrofio. Questo fatto ha spezzato il cuore di questo padre, che non sa dove si trovi sua figlia. Allan ha deciso di chiedere aiuto all’ambasciata brasiliana a Tokyo per localizzare la sua bambina, ma il processo non è facile.

In Giappone, le madri possono dare i loro figli a un orfanotrofio in caso di assenza temporanea o darli in modo permanente allo stato, sostenendo che non possono tenerli. Nel secondo caso, la battaglia legale non è contro la madre ma contro lo stato giapponese, il che complicherebbe ulteriormente le cose. Il panorama di questa famiglia è davvero buio. Finora, Allan ha potuto solo affermare che la bambina è in cattive condizioni per rivendicarla, ma prima è necessario individuarla.

Mr. Okuma ha iniziato una campagna di raccolta fondi per raccogliere fondi e viaggiare in Giappone come turista, così da poter cercare la sua bambina da solo. Spera di trovare qualche informazione con la famiglia della sua ex moglie, che afferma di non sapere nulla. La sua storia è davvero devastante,soprattutto perché la ragazza non sa affatto c’è qualcuno che sta lottando per riaverla.

Per favore condividi questa notizia e aiuta a denunciare questa ingiustizia. Facciamo in modo che il caso raggiunga le persone giuste e alcune autorità possono aiutare Allan e sua figlia a tornare insieme.

L'ex Miss America e attrice Leanza Cornett è morta a 49 anni

Roberta Ragusa: le parole di Sara Calzolaio per Antonio Logli

Lockdown soft entro il 10 novembre: cosa prevede

Jessica Ponzoni: muore a 25 anni a causa di un incidente stradale

Toscana: una sola persona per famiglia può fare la spesa al supermercato

Bimba ha ingoiato cocaina: era della madre

Luca Argentero e Cristina Marino indignati: "Hanno pubblicato Nina"