Stava lottando per salvare la vita di una ragazza

Stava lottando per salvare la vita di una ragazza che si trovava sull'ambulanza e ci riesce, ma quando torna al posto di guida, trova un biglietto scritto a mano sul parabrezza. Quando lo legge diventa furioso e decide di pubblicarlo su internet...assurdo!

Home > Attualità > Stava lottando per salvare la vita di una ragazza

Chris James Nixon, un paramedico che lavora nel servizio di ambulanza nel Nord-Est, a Tynemouth, ha trovato una nota sul parabrezza dell’ambulanza da parte un autista furioso che lo ha criticato aspramente perché aveva parcheggiato l’ambulanza bloccando la strada all’autista, mentre dentro il veicolo stesso Chris lottava per salvare la vita di una ragazza.

La notizia arriva dal Regno Unito ed è venuta alla luce da uno dei suoi protagonisti, quando ha pubblicato sul suo account Facebook l’incredibile storia. È un chiaro esempio di egoismo e individualismo in questi tempi. Cosa penseresti se incontrassi un’ambulanza parcheggiata sulla strada di casa, senza un autista al volante: è la negligenza dell’autista? O è più probabile che la situazione e la priorità di salvare vite abbiano fatto sì che il parcheggio del veicolo passasse in secondo piano? E se la ragazza a cui stava salvando la vita il paramedico fosse la figlia di quell’irrispettoso autista? Reagirebbe nello stesso modo? Ne dubito. Purtroppo, tutti i paramedici come Chris costantemente subiscono critiche e insulti dai conducenti che vanno di fretta e che sono molto poco umani. Forse dimenticano che i conducenti di ambulanze sono professionisti, persone che hanno studiato molto e, sfortunatamente, quando li vediamo nelle strade è perché c’è una situazione di emergenza che richiede il loro aiuto e la velocità con cui agiscono i paramedici, anche solo pochi secondi, possono essere la differenza tra la vita e la morte.

“Ho fatto fotografie di te che hai lasciato l’ambulanza in mezzo alla strada, quando non è necessario farlo. Guarda l’immagine, il tuo comportamento è atroce e dovresti essere responsabile delle tue azioni come autista professionista “, questo è ciò che c’era scritto nella nota-

La nota è firmata dal “conducente che non poteva tornare a casa” e denota che non è stato in grado di pensare un secondo al lavoro del paramedico. Accusa perfino Chris di “comportamento atroce”; Parole piuttosto forti se guardiamo tutta la scena e “l’atrocità” è che Chris stava combattendo per salvare la vita di una ragazza all’interno dell’ambulanza cosa che ha impedito al guidatore di raggiungere la sua casa.

Dopo che Chris ha pubblicato la nota nel suo account, la reazione degli utenti di Internet non ha atteso, dimostrando indignazione per un tale spettacolo di disumanità. “Non posso credere che questo tipo di persone esista! Quindi, se una persona è gravemente malata e ha bisogno di un intervento immediato, chi guida deve trovare un posto per parcheggiare, rischiando di parcheggiare anche a grande distanza dal paziente e non potendolo aiutare in tempo per salvare la sua vita “, ha detto un utente.

Questa storia ci dimostra che dobbiamo pensare a ciò che siamo diventati come società, com’è possibile che ci siano persone come il “conducente che non poteva tornare a casa” che non può attendere qualche minuto per salvare la vita di qualcuno, per andare avanti con la tua routine.

Condividi questa storia insolita con tutti i tuoi amici in modo che siamo in molti a darci l’opportunità di riflettere e costruire un mondo migliore.