Tarceto foto

Tarcento: il caso del comune in provincia di Udine che non ospita i profughi ucraini

Polemiche a Tarcento, il comune italiano in provincia di Udine in cui l'amministrazione comunale si è rifiutata di ospitare i profughi ucraini

Nel corso delle ultime ore è emerso il caso di Tarcento, un piccolo comune in provincia di Udine che non ospita i profughi ucraini. Alla luce di questo, sono nate numerose polemiche in merito alla vicenda. In particolare, Riccardo Prisciano, autore di una delle mozioni dell’opposizione si è detto indignato per quanto accaduto. Scopriamo insieme cosa è successo nel dettaglio.

In Italia, c’è un piccolo comune in provincia di Udine, in Friuli Venezia Giulia che non ospiterà i profughi ucraini che scappano dalla guerra scoppiata nel loro paese. A compiere una tale scelta è stata l’amministrazione comunale la quale ha dichiarato di essere contraria all’ospitalità degli ucraini nel comune.

Una delle mozioni dell’opposizione che chiedeva di accogliere i rifugiati negli immobili comunali sfitti ha denunciato il caso. Si tratta di Riccardo Prisciano, unico eletto della lista con cui si era candidato sindaco nel mese di ottobre:

Una vergogna senza precedenti.

L’uomo ha commentato quanto è accaduto attraverso un post pubblicato su Facebook. Queste sono state le sue parole:

Mi auguro che il sindaco Mauro Steccati e la sua scellerata maggioranza ci ripensino e facciano un opportuno mea culpa, aprendo le porte di quegli immobili comunali da tempo inutilizzati ai profughi ucraini (donne, bambini ed anziani.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Picchio.News (@picchionews)

Tarcento: le parole del consigliere Andrea Premoselli

Il consigliere Prisciano, il quale ha sollevato numerose critiche, ha deciso di spiegare la vicenda. Stando al suo racconto:

La maggioranza del Sindaco Steccati ha deciso di bocciare le mozioni con cui le opposizioni chiedevano di destinare gli immobili comunali sfitti per l’accoglienza dei profughi ucraini.

Alla luce di questo è giunta la risposta di Andrea Premoselli, consigliere dei Fratelli d’Italia il quale ha dato la propria spiegazione:

Posto che tutti noi siamo sicuramente a favore dell’aiuto ai profughi Ucraini, semplicemente non abbiamo ritenuto corretto porre un generico vincolo “omnibus” di non alienazione ed uso su ogni immobile comunale così come proposto provocatoriamente delle minoranze, e questo anche perché, come spiegato molto bene dal Sindaco Steccati, alcuni degli appartamenti citati, per essere utilizzati necessitano di consistenti e lunghi lavori di restauro e poi degli arredi (si parla di parecchie decine di migliaia di euro) oltre che di tempi lunghi per una loro eventuale realizzazione. Abbiamo quindi votato contro a queste mozioni per questi motivi e non per altro, non si facciano polemiche su tragedie come queste. Tarcento farà sicuramente la sua parte così come abbiamo sempre fatto di fronte ad ogni emergenza.

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"