Trapani: padre fa una diretta su Facebook mentre guida. Poco dopo lo schianto e la morte di suo figlio

TRAGEDIA: fa una diretta su Facebook mentre guida la macchina. Poco dopo lo schianto e la morte di suo figlio.

Home > Attualità > Trapani: padre fa una diretta su Facebook mentre guida. Poco dopo lo schianto e la morte di suo figlio

Questa vicenda ha scatenato un’infinita polemica e allo stesso tempo, ha sottolineato la pericolosità dell’utilizzo del telefono cellulare, durante la guida. La tragedia si è verificata lo scorso venerdì sera, sull’autostrada A29, all’altezza di Trapani. Un papà di nome Fabio Provenzano, stava guidando la sua macchina, con a bordo suo figlio di quattordici anni, Francesco e l’altro di circa nove anni, Antonino.

L’uomo, mentre guidava la sua BMW, stava facendo una diretta su Facebook, quando, poco dopo, all’improvviso si è schiantato.

Francesco, il quattordicenne, è morto sul colpo, mentre Antonino è ricoverato in grave condizioni.

Anche Fabio è stato trasportato in ospedale, dove attualmente è ricoverato in prognosi riservata. L’uomo ha riportato diversi traumi, ma non è in pericolo di vita. Non solo, l’uomo è sorvegliato dalle forze dell’ordine, poiché si teme un gesto di rabbia da parte dei parenti della sua ex moglie, madre dei due bambini. Una rabbia giustificabile, poiché credono che quella diretta su Facebook, abbia causato la morte di un ragazzino di 14 anni.

Nel video non è stato ripreso lo schianto, ma è stato pubblicato qualche secondo prima dell’incidente ed è la testimonianza, visto il rumore del vento, che Fabio stesse procedendo ad alta velocità.

Questo padre è ritenuto responsabile della morte di suo figlio e della gravità della situazione dell’altro. Sui social network è stato ricoperto di insulti.

Sono stati richiesti, su Fabio, anche i test per l’alcol e la droga, ma non sono ancora noti i risultati.

Una tragedia senza fine, una di quelle che lascia una sola domanda: perché?

Se Fabio non stesse riprendendo la scena, Francesco ora sarebbe vivo? Era distratto? Perché andava veloce con due figli a bordo? Purtroppo una risposta non si troverà mai!

Di certo Fabio non è la prima persona che usa il cellulare alla guida. Che questo episodio possa essere di lezione per tutti.

Ecco la diretta: