Tutto per giocare a “Fortnite”

Ha 16 anni, si è ritirato dalla scuola, non esce, non mangia a tavola, non "vive", tutto per poter giocare ore e ore a "Fortnite", ma se tutto questo può sembrare assurdo è perché non avete ancora sentito le parole del padre.

Home > Attualità > Tutto per giocare a “Fortnite”

Per gran parte degli ultimi mesi, la vita di Jordan ‘Crimz’ Herzog, una sedicenne adolescente di Sudbury, in Canada, è stata confinata nella sua stanza dei giochi dove si dedica mattina, pomeriggio e sera ai videogiochi, in particolare Fortnite. È in quella stanza dove vengono consumati tutti i pasti, e riceve poche ore di lezioni accademiche online, perché nel suo paese un minimo di scolarizzazione è obbligatorio per legge.

Ma il resto del tempo, lo passa collegato alle cuffie e si allena fino a 14 ore al giorno per diventare uno dei migliori giocatori di videogiochi competitivi al mondo. Il caso di Crimz, in quanto la Giordania è conosciuta in tutto il mondo nel mondo dello sport, è stato criticato da molti. Soprattutto l’anno scorso, quando suo padre, Dave Herzog, che è separato dalla madre del ragazzo, ha deciso di ritirarlo da scuola, così da dedicarsi interamente a Fortnite, per creare una vera fortuna. Dave è un imprenditore e un visionario proprio nel campo dei videogiochi e confessa che suo figlio aveva 3 anni quando si è presentato a questo mondo e ha visualizzato da molti anni il boom che avrebbero avuto, come in realtà lo ha oggi. Dave ha investito più di $ 30.000 e tutti i risparmi della famiglia, in attrezzature di fascia alta per la Jordan. Ha persino sospeso le vacanze in famiglia per non interferire con l’allenamento di suo figlio. In realtà, il suo sforzo sta già ottenendo risultati, dal momento che la Jordan fino ad oggi ha già vinto oltre $ 60.000 grazie alla sua partecipazione ai tornei, oltre a qualificarsi per la Coppa del Mondo di Fortnite, il cui montepremi equivale alla quantità non trascurabile di 3 milioni di dollari. “Voglio guadagnare abbastanza soldi, quindi non devo lavorare per la maggior parte della mia vita”, dice Jordan.

Tuttavia, alcune domande sul fatto che, sebbene Fortnite sia la loro passione, il loro modo di pensare è più una risposta a come il padre ha manipolato suo figlio per la sua convenienza. Dave racconta com’è la giornata faticosa di suo figlio: “Dopo essere uscito dal letto verso mezzogiorno, ha tre o quattro ore di lavoro scolastico online: scienze sul sistema respiratorio, test statistici, ecc. Verso le 4, accende “Fortnite”, e si dedica alle competizioni per le prossime otto o dieci ore . ”

Indubbiamente, quella di Dave ha è una vera ossessione per cui suo figlio è il migliore ed è per questo che è stato criticato e persino denunciato per “abusi sui minori”. Quando un campionato del mondo si avvicina, lo libera da ogni possibile distrazione, è esente da qualsiasi faccenda domestiche e mangia davanti allo schermo del computer, un piatto che Dave mette accanto a lui due volte al giorno.

Ci sono stati momenti in cui anche da ammalato, il padre gli ha chiesto che continuasse ad allenarsi, come quando ricorda con orgoglio che suo figlio si è qualificato per la Coppa del Mondo di Fortnite, dopo “aver vomitato due volte sulla tastiera perché era indisposto”.

Alcuni esperti ritengono che l’apprendimento che i bambini possano sviluppare attraverso l’esperienza dei videogiochi possa essere più ricco di quanto molti credano, arrivando a sviluppare abilità insospettate che li mettono molto più avanti degli adulti.

Fateci sapere cosa ne pensate della decisione controversa di questo padre che ha dato così tanto da parlare nelle reti.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI