un anello d’oro

L'uomo trova un anello d'oro mentre cerca funghi - quando guarda da vicino vede un incisione che lo lascia scioccato....comincia così un'avventura durata 10 anni

Home > Attualità > un anello d’oro

Lionel Lepezel ha vissuto tutta la sua vita nel villaggio francese chiamato Charny-sur-Meuse. Conosce la città e i suoi dintorni come il palmo della sua mano, a Lionel piace anche fare lunghe passeggiate nelle fitte foreste della zona. Molte volte esce a cercare funghi,  Lionel cammina, nella foresta che fu teatro di una delle più lunghe e sanguinose battaglie della prima guerra mondiale; la battaglia di Verdun.

La battaglia di Verdun è stata descritta come una “carneficina” e se leggi nei libri di storia capisci perché. Più di 300.000 persone hanno perso la vita qui, la maggior parte erano tedeschi e francesi. Ma normalmente Lionel Lepezel non pensa a quelle crudeltà che sono successe nella zona molto tempo fa, piuttosto cerca quello che per lui è l’oro della foresta, i funghi. Ma un giorno mentre cercava i funghi scoprì qualcosa che avrebbe cambiato la sua vita per sempre, tra i cespugli vide qualcosa che brillava. Lionel si chinò per raccogliere il piccolo oggetto lucido. Scopre che si trattava di un anello d’oro – ma le lettere inscritte nel lato interno dell’anello, gli fecero battere il cuore molto velocemente. “Martha et Léonce, 07/18/14” c’era scritto. Lionel comprese che si trattava di una fede nuziale, secondo la data del 18 luglio 1914, solo due settimane prima dell’inizio della prima guerra mondiale. Poi Lionel ha deciso di provare a trovare il proprietario dell’anello, ma come avrebbe trovato il proprietario o la sua famiglia dopo tutto questo tempo? Prima ha chiesto consiglio al suo amico Cédric, che è un professore e un studioso della prima guerra mondiale tra cui la battaglia di Verdun.

Lionel e Cédric hanno esaminato un sacco di documenti e file di testimoni intervistati, ma non hanno trovato la persona che stavano cercando. Dopo 10 anni di ricerche, i due – Lionel e Cédric – si arresero.

Ma alla fine del 2016, improvvisamente squillò il telefono di Lionel, era Cédric. Gli disse che forse il mistero stava per finire, i file con i numeri di identificazione dei soldati della guerra erano stati resi pubblici. Insieme hanno continuato a cercare negli archivi e hanno trovato un uomo di nome Achille Léonce Bourrelly, morto nel 1916 nello stesso luogo in cui Lionel ha trovato l’anello.

Dopo tutti questi anni, Lionel e Cédric avevano finalmente trovato un indizio interessante. Hanno anche scoperto una storia di famiglia, ottimo il  lavoro da parte di Lionel e Cédric, non hanno rinunciato alla missione di restituire l’anello al suo vero proprietario!