Un asilo rifiuta due gemellini di 3 anni

"Non siete normali" questa è stata la risposta della responsabile dell'asilo che ha rifiutato due gemellini di 3 anni a causa della condizione dei loro genitori

Stefan e suo marito Rosha, di Lenzburg, in Svizzera, sono una coppia dello stesso genere che sono diventati genitori di due gemelli: Rafael e Rahul, insieme ai loro bambini di tre anni vivono come qualsiasi altra famiglia.. Ma tante persone non le percepiscono nella società perché ritengono che infrangano gli schemi tradizionali.

Molti pensano che il loro rapporto privi i bambini di crescere in una casa convenzionale con la presenza di genitori di genere diverso. Stefan e Rosha, come molti genitori, devono andare in un asilo nido che si prende cura delle cure e dell’apprendimento dei loro figli mentre loro affrontano la loro giornata lavorativa.

Sebbene alcuni vorrebbero rimanere a casa rispettando le esigenze di crescere i figli, a volte la necessità di lavorare è indispensabile perché un singolo stipendio non è sufficiente per coprire le spese. I genitori dei gemelli Rafael e Rahul hanno faticato a trovare un posto in cui potersi fidare della cura dei propri figli, ma non immaginavano che sarebbero stati discriminati.

Quando andarono ad iscrivere i loro figli in un asilo nido nella loro città, furono respinti perché secondo la direttiva dell’istituzione, due uomini che formano un matrimonio per crescere i figli “non è normale, né naturale”.

Hanno respinto Stefan e Rosha come genitori e i loro gemelli come studenti delle scuole materne, nonostante abbiano bisogno di ricevere attenzione, incoraggiamento e divertimento. Inoltre, queste istituzioni servono a facilitare il processo di adattamento prescolare.

 

I genitori dei gemelli hanno riferito che il direttore dell’asilo ha detto loro che i bambini possono essere molto cattivi, ed è per questo che non ha voluto dare il benvenuto ai bambini di genitori dello stesso genere. “Speriamo che nessun’altra coppia con le stesse condizioni dovrà affrontare lo stesso atto di discriminazione”, ha detto Stefan a un media locale a cui ha riferito il suo caso.

Sebbene chiaramente, la famiglia sia stata vittima di discriminazioni ed esclusioni a causa del loro orientamento sessuale, non c’è nulla che possano fare per difendersi. Christoph Hofstetter, un impiegato pubblico del comune di Lenzberg, afferma che quell’asilo non riceve aiuto dallo stato e che, essendo totalmente privato, non ha l’obbligo di accettare i gemelli.

Tale istituzione non è regolata dalle leggi e dai programmi di inclusione della diversità. L’avvocato Cordula Nikklaus, vicepresidente di Wybernet, un’associazione svizzera di donne professioniste con partner dello stesso genere, ha dichiarato: “Questo incidente dimostra che la protezione contro l’odio e la discriminazione è una necessità. Se questi gemelli avessero genitori ebrei, sarebbe illegale per loro essere respinti.”

 

La situazione dei gemelli ha causato un’ondata di commenti nelle reti di famiglie che hanno espresso indignazione per il trattamento ricevuto dai bambini. Stefan e Rocha sperano che il prossimo anno scolastico inizi con la speranza che questa volta i loro figli possano avere l’opportunità di frequentare l’asilo nido.

Omicidio di Colleferro, Gabriele e Marco Bianchi incastrati da una foto

Firenze, Pietro morto a 12 anni: è scivolato nella vasca da bagno

Pesava 335 chili, ma adesso ne pesa solo sessantanove. Ecco com'è diventata

Viviana Parisi, l'avvocato del padre ha pubblicato le foto della macchina

Caso Vannini, chiesta condanna di 14 anni per Antonio Ciontoli

Morte della piccola Safiya Bouchakoul: parla la mamma Halima

Daniele Mondello infuriato su Facebook per il furgone: "Vergogna"