Un atto d’amore disinteressato

Si rifiutò di morire fino a quando l'insegnante di suo figlio con Sindrome di Down le disse che lo avrebbe adottato.

Jean Manning era una madre single, completamente dedita alla cura di suo figlio Jake. Il bambino è nato con la sindrome di Down, quindi ha richiesto molto più tempo e cure speciali rispetto a qualsiasi altro bambino della sua età. Questa situazione per una madre single non era semplice, ma l’amore di Jean per suo figlio l’ha aiutata a trascorrere molti anni felici. Jake ha appena 14 anni.

Sfortunatamente, la salute di Jean iniziò a diminuire. Alla madre amorevole è stato diagnosticato un cancro . Ha fatto tutti i trattamenti necessari e ha combattuto come nessuno ma non è riuscita a recuperare la sua salute. Dopo un po’ iniziò a temere il peggio. Se avesse lasciato questo mondo, suo figlio sarebbe rimasto solo, non ha parenti o amici disposti a prendersi cura di Jake.

Jean soffriva di cancro al seno ed è stato diagnosticato nella sua fase terminale. Ha smesso di dormire per molte notti. Non era disposta a lasciare suo figlio indifeso. Era un ragazzo molto speciale e non meritava di stare senza famiglia. Fu allora che ricevette una chiamata che la lasciò scioccata. Kerry Bremer era stata  la maestra di Jake 4 anni fa e si era molto affezionata a lui.

Non appena ha conosciuto la delicata situazione di sua madre, ha capito che doveva fare qualcosa per aiutarla. “Jake era pieno di energia. Adorava saltare per tutta la classe pensando di essere Batman. Era il bambino più dolce di tutti.” Kerry ha parlato con le sue tre figlie e suo marito e tutti hanno concordato di aprire le porte della sua casa per Jake, se necessario.

Era una famiglia che aveva già avuto esperienze con le persone con Sindrome di Down, quindi sapevano come prendersi cura di lui e come fornire il supporto di cui aveva tanto bisogno. Quando Jean ricevette quella notizia, sapeva che poteva andarsene tranquillamente sapendo che suo figlio sarebbe stato in buone mani.

“So che questo può essere invasivo, ma volevo solo dirti che se hai bisogno di un piano di sostegno per Jake, la mia famiglia e io siamo disposti a essere i tuoi guardiani.” Quella fu la prima notte in settimane in cui Jean esausta riuscì a dormire. Il giorno dopo portò Jake a scuola e perse la vita prima di riuscire a tornare a casa.

Era molto debole, ma non avrebbe esaurito la sua forza fino a quando non si fosse assicurata che il suo bambino avrebbe continuato la sua vita. “Dice che è in paradiso con Dio e le sue altre zie. La chiama “Mamma Angelo Reina” ”.

Kerry e la sua famiglia hanno fatto un vero atto d’amore. Jake va d’accordo con tutti e sa che sua madre è in paradiso. Ora, questo ragazzo speciale ha una grande famiglia che lo aiuterà a crescere felice e a ricordare sua madre con amore.

Sentiti libero di condividere questa storia stimolante per onorare la memoria di Jean e ringraziare il grande gesto d’amore che tutti loro hanno fatto per Jake.

Marco e Gabriele Bianchi trasferiti nel braccio G9 di Rebibbia, già problemi con gli altri detenuti

Lorenzo Seminatore perde la vita a 20 anni per colpa dell'anoressia

Jessica crede di essere incinta, ma alla fine...

Berlusconi è ancora positivo al Coronavirus: "Sto bene, mi sento un leone"

Jonathan Galindo, l'incubo social tra i genitori: è davvero reale?

Novara, tragedia sull'A26 auto contro cinghiali: morti due calciatori

Alex Zanardi sarà sottoposto ad un altro intervento di ricostruzione cranio-facciale