Un bambino di 2 anni sopravvive per 5 giorni accanto al corpo senza vita di sua madre

Un bambino di 2 anni sopravvive per 5 giorni accanto al corpo senza vita di sua madre... la storia agghiacciante che sta spezzando il cuore di migliaia di persone.

Home > Attualità > Un bambino di 2 anni sopravvive per 5 giorni accanto al corpo senza vita di sua madre

Il dolore sofferto dal piccolo Abraham di perdere la madre ha colpito milioni di persone, il bambino di due anni è rimasto con il corpo senza vita della madre per cinque giorni. Era solo, nel buio più completo , si è nutrito con alcuni avanzi di torte che aveva fatto sua madre, che era impegnata nel commercio informale di dolci e altri prodotti in un locale vicino al palazzo dove abitava a Cucuta, Colombia.

Jennifer Rivero Ramírez, 38 anni, era una stilista di moda. Emigrò da San Cristóbal, in Venezuela, in Colombia, dopo che la crisi economica nel suo paese la costrinse a chiudere il negozio di abbigliamento che aveva. Il padre di suo figlio, di 20 anni più giovane di lei, li visitava spesso. Hanno avuto una relazione tortuosa, è per questo che non hanno mai vissuto insieme e ha registrato suo figlio con il nome di suo nonno. Nonostante i problemi, avevano mantenuto i contatti tramite WhatsApp e il ragazzo faceva visita a suo figlio ripetutamente. Aveva espresso la sua insoddisfazione per il piano di Jennifer di emigrare in Argentina con suo figlio. Yolanda Pinto, un venditore ambulante, che vive vicino alla residenza di Jennifer, ha riferito di aver percepito, come il resto dei vicini, un odore sgradevole che si è fatto più intenso con il passare dei giorni. “Qualcosa di morto deve essere là fuori”, disse. Non immaginava che potesse essere una persona. Ma lui era tormentato nel non conoscere la causa dell’odore. Gli sembrava strano vedere l’appartamento in cui Jennifer viveva con il figlio, con la finestra aperta e si accorse che l’odore proveniva da lì.


Così ha allertato le autorità, che avevano già fatto un’ispezione nell’area senza risultati, per entrare nella casa. Quando lo fecero, trovarono la scena terrificante, il corpo di Jennifer giaceva sul pavimento del soggiorno della sua casa, e lei aveva sofferto di soffocamento meccanico con un lenzuolo, qualcuno l’aveva uccisa


Il corpo era capovolto a pancia in giù, in uno stato avanzato di decomposizione, ma oltre alla sconvolgente scoperta, la presenza del piccolo Abramo lasciò tutti confusi e commossi. Il piccolo era disidratato e malnutrito, per cinque giorni era sopravvissuto mangiando pezzi di torta e dolci, in qualche occasione forse era riuscito a bere dell’acqua.

Secondo Yolanda Pinto, era in uno stato di shock, non parlava, si muoveva con difficoltà e sembrava molto debole. Gli offrì un bicchiere d’acqua e lo accompagnò mentre arrivavano le autorità, che lo trasferirono in un centro di salute.

I dottori hanno accertato che aveva una infezione in faccia perché era rimasto a lungo sdraiato sul corpo di sua madre. Fu trattato con antibiotici e vari test medici fino a quando non fu finalmente dimesso. Le autorità colombiane trasferirono la custodia ai genitori di Jennifer che attualmente si prendono cura di lui.

Gonzalo Ramírez e Miryam Rivero, i genitori di Jennifer sono devastati, chiedono giustizia per la morte della loro figlia. Miryam evidenzia il trauma che suo nipote ha subito rimanendo cinque giorni con il corpo di sua madre senza avere una luce accesa, spaventato in mezzo a dolore, panico e tenebre mentre cercava di sopravvivere alla fame e alla disidratazione.

Le autorità di polizia stanno indagando sul crimine che ha messo fine alla vita della donna. Si pensa che l’autore potrebbe essere un suo amico che la accompagnava spesso e che i vicini hanno smesso di vedere dopo la sua morte. Sulla scena del crimine hanno scoperto che gli oggetti della vittima erano stati rubati, inclusi i suoi documenti di identità, denaro e oggetti di valore.