Un bambino salvato da un cantante

Questo bambino dormiva dentro una vecchia canoa sulla spiaggia e aveva subito ogni tipo di abuso. Tutto è cambiato quando un famoso cantante che tutti conosciamo, la ha incontrato un'anno fa. Guardate come sta adesso grazie al grande cuore di

Home > Attualità > Un bambino salvato da un cantante

Questo è il caso della stella super pop, Ed Sheeran, che dopo aver conosciuto la storia di un orfano, non riuscì a contenere le lacrime e decise di impegnarsi personalmente per far uscire quel bambino dalla sua situazione di estrema povertà in una popolazione dell’Africa. Senza dubbio, qualcosa che non vediamo tutti i giorni!

Un anno fa, il bambino, che si fa chiamare JD, ha fatto piangere Ed Sheeran con la sua angosciosa esperienza di dormire per le strade, e il cantante si è rifiutato di lasciare il ragazzo fino a quando fosse riuscito a sistemarlo in una casa sicura e tutta la sua situazione si fosse risolta. Ed Sheeran ha incontrato un gruppo di bambini provenienti dalla Liberia, sulla costa occidentale dell’Africa, durante le riprese per Comic Relief, un ente di beneficenza nel Regno Unito fondata nel 1985 da Richard Curtis commediografo in risposta alla carestia in Etiopia. Ed incontrò il gruppo di bambini, ma uno di loro gli spezzò definitivamente il cuore: JD. I bambini vivevano in baraccopoli e molti di loro erano stati vittime di abusi se$suali. Il cantante non poteva rimanere impassibile nel vedere l’innocenza del bambino, la sua ampiezza di vedute e le condizioni precarie in cui viveva. Voleva essere presidente, ma la vita lo aveva trattato in modo molto ingiusto. Così Ed, dalla mano dell’associazione “Street Child”, riuscì a fare in modo che JD e i suoi amici potessero vivere in sicurezza nella capitale della Liberia, Monrovia, con una persona adulta che chiamano “Ma”.

“Ero solito dormire in una canoa sulla spiaggia con i miei amici. Ora mi sento molto meglio perché resto con mamma e lei si prende cura di noi “, inizia la toccante testimonianza di JD. Viene sempre a cercarci per assicurarci che stiamo bene. Le importa davvero di me. Non era mai capitato prima. “Sono molto felice di andare a scuola presto. Voglio essere presidente, quindi devo imparare e studiare bene. Quando sarò presidente, potrò aiutare tutti gli altri bambini per strada con cibo, alloggio e scuola “.

Voglio vedere tutti i bambini in uniforme scolastica. Se non avessi incontrato l’organizzazione Street Child e Ed, sarei ancora a dormire in canoa sulla spiaggia “, conclude JD. I bambini erano soliti sopravvivere con una tazza d’acqua e un pezzo di pane ogni giorno, e venivano picchiati e violentati dai bambini più grandi negli slum.

Ed Sheeran, d’altra parte, ha registrato la sua testimonianza e ha detto come, di fronte a tale scenario, l’unica risposta deve essere “voler aiutarli e farlo fino alla fine” . “Non è bello lasciarli lì, l’unica risposta che viene fuori è volerli aiutare, cosa che dovremmo fare”, ha detto Ed.

Il mio istinto naturale era semplicemente quello di metterli in una macchina e portarli in un albergo finché non avremmo potuto risolvere la loro situazione. Possiamo farlo? Posso pagare per metterli in una casa finché non li abbiamo in una scuola? Non importa quanto costa, è stato solo portare lui e i suoi cinque compagni in una casa con una persona anziana a prendersi cura di loro.

“Non potevamo andarcene finché non si risolveva questa situazione”, conclude il cantante. Fortunatamente, non è stato un semplice momento di fama per ottenere reazioni dai suoi seguaci, come accade in altri casi. Ed Sheeran era sincero in ciò che diceva, ha mantenuto le sue promesse, JD e i suoi amici sono al sicuro, e ora – un anno dopo – vediamo un bambino sorridente felice, con più desiderio che mai di diventare il Presidente del suo paese.

Le reazioni dei suoi seguaci non hanno tardato ad arrivare: “Un video in Liberia mostra quanto sia importante l’educazione per le generazioni future. Abbiamo tutti bisogno di aiutare per il bene della società “.

Dal 2008, Street Child ha aiutato più di 50.000 bambini in tutta l’Africa occidentale e il Nepal e continua a trovare modi per farli crescere in una casa sicura e andare a scuola.