Un brav’uomo truffato

Un uomo lavoratore di 61 anni che si è indebitato per aiutare un collega che voleva solo truffarlo, ma ecco cosa è successo 24 ore dopo che la storia è stata messa in rete

È un peccato, ma alcune persone approfittano della buona volontà e della solidarietà di altri. Alberto Vale Avitia, noto come “Don Beto”, 61 anni, vive un’esperienza drammatica da quando si è offerto di aiutare un collega. Don Beto lavora come operaio edile a Loreto, in Messico, Fernando Escobar, un paramedico che lavorava con lui, gli ha detto che aveva bisogno di aiuto.

Gli chiese di andare in banca per chiedere crediti bancari, sostenendo che avrebbe restituito i soldi in seguito. Il nobile andò all’agenzia bancaria e chiese un prestito bancario, consegnò i soldi al suo partner, ma questo scomparve anche prendendo la sua carta di credito. Il truffatore ha usato parte del denaro per acquistare un telefono cellulare e ha lasciato Don Beto con un debito che non può pagare e l’angoscia di avere un lavoro temporaneo.

Quando Don Beto notò la situazione, si presentò di nuovo al Banco Azteca giorni dopo aver ricevuto i soldi del prestito, per chiedere aiuto. América Leal, è un dipendente della banca che ha assistito alla storia dell’uomo sconvolto e ha dichiarato: “Non riuscivo quasi a parlare, in lacrime l’uomo disse che era andato in un’agenzia del Ministero Pubblico per localizzare la persona che lo aveva ingannato, ma gli dissero che non potevano aiutarlo.”

“Don Beto ha un buon cuore, quindi è venuto in banca e ci ha chiesto un prestito per un importo di 9.500 pesos (poco più di 500 dollari) e per la sua buona storia creditizia glielo abbiamo concesso”, ha detto l’impiegato che lavora come Consulente digitale presso la sede del Banco Azteca de Loreto.

L’impiegato della banca si sentì così commosso dal caso del lavoratore che decise di fare qualcosa per aiutarlo. “Il suo caso non mi è uscito di mente, quindi mi è venuta l’idea di aiutarlo”, ha detto. Così venerdì scorso ha deciso di pubblicare quello che era successo sul suo profilo Facebook per chiedere aiuto, ha esortato tutti a collaborare con ciò che potevano per aiutare il lavoratore a pagare il debito.

“Questa storia fa rivoltare il mio stomaco per l’impotenza, molti mi conoscono e sanno che cerco sempre di aiutare le persone con quel poco che ho. Ma in questo caso, non posso proprio e chiedo l’aiuto del vostro nobile cuore ” , scrisse America. Nel suo messaggio, ha affermato che il contratto di Don Beto si concluderà questo dicembre e che sarà quindi senza un lavoro che gli consenta di avere un reddito fisso.

Aggiunge che è un uomo responsabile e laborioso e che il suo partner ha rubato circa $ 1.300 in totale. “È Natale, il mese in cui tutti dicono di respirare unità, fratellanza e amore. Immagina se quest’uomo fosse tuo padre, tuo nonno, tuo zio ”, scrisse America. Erano passate 24 ore da quando aveva condiviso la pubblicazione e avevano raccolto tutti i soldi per l’umile lavoratore per pagare i debiti bancari.

La campagna è riuscita a raccogliere $ 3,500 per collaborare con l’uomo che sarà presto senza lavoro. Ha scritto per ringraziare per le numerose donazioni di solidarietà che ha ricevuto. Lo stesso giorno ha pubblicato:

“Aggiornamento del caso di Don Beto: belle persone, il signor Alberto è appena arrivato e abbiamo controllato il suo account. Il volto pieno di felicità che è apparso nel vedere e sentire tutto l’amore che sta ricevendo non ha prezzo. Ci sono ancora persone buone e solidali, Dio vi benedica tutti ”, ha scritto America.

Ci sono persone che vogliono continuare ad aiutare Don Beto, anche se i suoi debiti sono già stati pagati, parlano persino della costruzione di una casa. Hanno donato vestiti, scarpe, la sua famiglia è molto grata.

Berlusconi è ancora positivo al Coronavirus: "Sto bene, mi sento un leone"

Jessica crede di essere incinta, ma alla fine...

Marco e Gabriele Bianchi trasferiti nel braccio G9 di Rebibbia, già problemi con gli altri detenuti

Lorenzo Seminatore perde la vita a 20 anni per colpa dell'anoressia

Antonio De Marco ha confessato l'omicidio di Daniele De Santis e Eleonora Manta

Supermercati a Napoli assaltati: scaffali vuoti

Incidente a Petritoli: Kristian è morto a 10 anni, il padre è in pericolo di vita