I bambini speciali dovrebbero stare in posti speciali

Ci sono poche cose che mi infastidiscono più dei pregiudizi della società, specialmente quando sono contro le persone con bisogni speciali a causa delle loro condizioni particolari. È particolarmente doloroso quando i pregiudizi sono contro un bambino. Non è ammissibile che ci siano adulti che parlano in modo dispregiativo di un bambino innocente.


Questo è il motivo per cui storie come questa sono così importanti e la loro condivisione può ispirare altri, vedendo che ci sono persone che hanno il coraggio di agire quando vedono un essere umano in pericolo. Questa è la storia di un bambino di cinque anni, Milo, che insieme alla sua famiglia si è recato al suo ristorante preferito a Houston (Stati Uniti). Ma quel giorno,  non sarebbe stata un’esperienza piacevole, come in passato, secondo il Daily Mail. Fortunatamente un estraneo avrebbe mostrato cosa significa veramente la parola empatia…  Al tavolo accanto c’era un’altra famiglia. Dopo pochi minuti chiamarono il cameriere, Michael Garcia, e si lamentarono della compagnia al tavolo accanto. Milo in particolare li infastidiva, e volevano essere trasferiti su un altro tavolo perché Milo faceva troppo rumore e strani suoni. Milo ha la sindrome di Down, e questo sembrava disturbare l’altra famiglia. Il cameriere accompagnò la famiglia in un altro tavolo con la speranza di porre fine alla situazione, ma il padre sembrava ancora insoddisfatto.

“I bambini speciali dovrebbero stare in posti speciali”, disse a voce alta. Anche i figli dell’uomo erano seduti al tavolo e udirono il loro padre parlare di Miloin quel modo. Quel commento ferì seriamente i sentimenti del cameriere, Michael Garcia. Una cosa era chiedere di cambiare tavolo e un’altra era dover sopportare che quell’uomo parlasse in quel modo del piccolo Milo.

Sebbene rischiasse di perdere il proprio lavoro, decise di buttare la famiglia fuori dal ristorante. Si è letteralmente rifiutato di servirli.”Ci vorrebbe più gente come Michael, che non solo pensa che Milo, un bambino con la sindrome di Down,meriti rispetto ma difende i suoi diritti a prescindere dalle conseguenze”, dice Kim, la madre di Milo.