Un giovane rivela ciò che ha visto per 10 minuti dopo essere stato clinicamente morto

Un giovane rivela ciò che ha visto per 10 minuti dopo essere stato clinicamente morto.

Home > Attualità > Un giovane rivela ciò che ha visto per 10 minuti dopo essere stato clinicamente morto

La vita dopo la morte è un argomento che ha incuriosito migliaia di persone nel corso dei secoli. Certamente, nessuno che è morto è tornato dall’aldilà per dirci quale sia la famosa trance di quella luce bianca alla fine di un tunnel; e vero o no, molti si chiedono dove andiamo una volta che abbiamo lasciato questo mondo per sempre.

Il giovane, identificato con il nome utente u / luongscrim sul social network Reddit, ha raccontato la sua esperienza dopo che i medici hanno dichiarato la sua ” morte clinica “. Ha trascorso 10 minuti in quello stato , e quello che ha detto ha causato lo sconcerto e impressionato molte persone.  “La morte clinica si verifica quando i segni vitali cessano la loro attività, cioè il cuore smette di battere e il respiro scompare.  Ma ci sono ancora cellule cerebrali vive che sono responsabili del controllo di quello stato e fa si che la rianimazione sia possibile “, dicono gli esperti. Luongscrim ha spiegato che dopo un improvviso arresto cardiaco due anni fa, il 3 luglio 2017, è stato in grado di sapere cosa ci succede veramente quando siamo morti. L’ondata di domande nel social network non ha tardato ad arrivare. “Che cosa hai vissuto durante il tempo in cui eri morto? “, Ha scritto un utente. “Dire che non ho vissuto nulla è un eufemismo, perché è come se non fosse mai successo. Ero cosciente a momenti. È come se fossero passate diverse ore e non me ne ero nemmeno accorto ” , ha continuato. Ha detto che era come se fosse stato improvvisamente interrotta la scena di un film,  ma non era  in essa. “La mia morte è accaduta, ma era come se non fosse parte di me”, ha detto.

Crede di non aver visto nulla proprio perché era la condizione per poter tornare a questa vita, altrimenti sarebbe rimasto nell’aldilà.

Tuttavia, Luongscrim ha detto di essere convinto che, anche se non ha vissuto alcun tipo di vita dopo la morte, pensa che qualcosa ci aspetti. “Penso che forse non ero pronto per sperimentare o vedere l’ aldilà “, o forse il cervello umano non è in grado di capire e sperimentare ciò che “viene dopo”, ha continuato.

“Quello che ho vissuto mi è bastato per capire cosa è veramente importante nella vita e ora lavoro per dare un valore alle cose di ogni giorno”. “Non sono completamente sicuro se temo la morte o il pensiero che nulla viene dopo la morte. Penso che apprezzo semplicemente la vita, l’apprezzo e sono molto più grato di prima ” , ha concluso.