Un grave errore

Restituisce i suoi gemelli dopo aver scoperto il grave errore della clinica della fertilità: "li ho tenuti in grembo nove mesi, li ho portati alla luce, loro sapevano ma hanno preferito tacere, adesso sono costretta a restituirli..."

Un caso recente e insolito è venuto alla luce dopo che una madre traumatizzata ha presentato una denuncia alla clinica per la fertilità CHA Fertility di Los Angeles (Stati Uniti), dopo aver rivelato il grave errore commesso con i suoi bambini.

La coppia ha preferito rimanere anonima a causa della grande umiliazione che hanno dovuto subire dopo essere stati costretti a restituire i loro gemelli che erano stati concepiti mediante fecondazione in vitro, dopo il risultato allarmante di un test del DNA. La coppia risiede a New York ed è di origine asiatica. Quando la donna partorì e vide che i suoi bambini (due maschi) non avevano i suoi lineamenti, capì immediatamente che non erano affatto i suoi. Qualcosa sicuramente non era andato nel modo giusto. L’errore è stato commesso quando vennero informati che gli embrioni erano pronti per essere impiantati, a loro fu comunicato che si trattava di due embrioni femminili. Ma pochi mesi dopo, una scansione ha rivelato che erano in realtà due maschi. La spiegazione fornita in quel momento era che “gli scanner non sono sempre precisi”. La coppia assicura che la clinica sapeva del grave errore, ma che nascondevano le informazioni per sbarazzarsi delle responsabilità. Ben presto si resero conto che gli embrioni che non appartenevano alla donna erano stati effettivamente impiantati. Sebbene il loro sogno di diventare genitori fosse enorme, non avevano altra scelta che restituire i bambini.

CHA Fertility è una clinica specializzata in trattamenti di fertilità, con sede in diversi paesi e di grande fama. Sul loro sito web si vanta di essere la “mecca della medicina riproduttiva”, e sono stati i pionieri negli embrioni congelati negli Stati Uniti, nel 2002.

La coppia aveva speso più di 100.000 dollari in trattamenti di fecondazione in vitro e avevano cercato una gravidanza da quando si erano sposati nel 2012. Dopo diversi tentativi di inseminazione artificiale e senza successo, hanno optato per trattamenti FIV dal 2017 .

Dopo il primo fallimento nella fecondazione in vitro, al loro secondo tentativo fu finalmente detto che avevano avuto successo. Dopo 9 mesi di dolce attesa, la donna ha dato alla luce i suoi gemelli a marzo, ma il test del DNA ha rivelato che non erano geneticamente loro e dopo averli restituiti ai loro genitori biologici, hanno fatto causa alla clinica.

La coppia ora cerca giustizia, poiché non sono in grado di ignorare tale malasanità. La causa include i problemi emotivi che hanno portato la coppia, oltre alla violazione del contratto e ad altre questioni. La donna ammette di dover andare da uno psicologo per affrontarlo. “Un giorno sei felice perché sei diventato madre, qualcosa che pensavi non sarebbe venuto, e il giorno dopo sei costretto a rinunciare”, conclude.

 

È davvero incredibile che una clinica con un tale presunto prestigio abbia torto in questo modo. E cosa avresti fatto nel caso di questa povera donna? Condividilo nelle tue reti!

Viviana Parisi l'autopsia conferma: è morta nel punto in cui è stata ritrovata

Coronavirus scuola: se un bambino sta male in classe cosa succede?

Rimini, mamma lascia figli sul balcone per fare la spesa

Le ricerche del piccolo Gioele Mondello continuano dopo l'autopsia: ancora nessuna traccia

Viviana Parisi, terminata l'autopsia sul corpo: il medico legale non esclude nulla

La cognata di Viviana Parisi diffonde un referto del medico: manie di persecuzione

Morte di Viviana Parisi, nessun testimone si è ancora presentato: l'appello del Procuratore Cavallo