Un messaggio che arriva da lontano

La bambina compra una cartolina di natale dal supermercato, ma quando la apre vede che c'è già un messaggio scritto a mano...quando la fa vedere al suo papa, l'uomo corre subito a chiamare le autorità

Florence Widdicombe, una bambina di 6 anni, nel sud di Londra, ha scoperto un messaggio su una cartolina di Natale acquistata dalla catena di supermercati Tesco con sede nel Regno Unito. La notizia è stata riportata per la prima volta nel quotidiano britannico The Sunday Times, la società che produce cartoline in Cina ha interrotto la produzione per aprire un’indagine sul caso.

“Siamo prigionieri costretti a lavorare, siamo nella prigione di Qinqpu a Shanghai, in Cina”, dice il messaggio. “Siamo obbligati a lavorare contro la nostra volontà. Aiutaci e informa l’organizzazione per i diritti umani ” . Le autorità indagheranno sul fornitore Zheijiang Yunguang Priting, la persona che ha scritto il messaggio sulla carta chiede che la persona che lo riceve contatti il giornalista Peter Humphrey, un ex giornalista britannico.

Peter fu arrestato in Cina mentre lavorava come investigatore aziendale e fu tenuto nella stessa prigione di Shanghai.

Si è specializzato nelle indagini sulle frodi aziendali, insieme a sua moglie americana, Yu Yingzeng, è stato condannato in Cina nel 2014 per aver ottenuto documenti privati ​​di cittadini cinesi illegalmente e aver venduto le informazioni alle società. Nel 2015 furono deportati dalla Cina, si trovarono nella prigione di Qingpu dove ottennero una riduzione della pena.

“Non ho dubbi sul fatto che siano prigionieri di Qingpu che si sono incontrati prima della mia liberazione nel giugno 2015 dopo aver trascorso 23 mesi in quella prigione”, ha detto Peter. Ben Widdicombe, padre della ragazza che ha trovato il messaggio sul biglietto, domenica scorsa ha detto che inizialmente pensavano fosse tutto uno scherzo.

“Quando abbiamo riflettuto, ci siamo resi conto che era davvero qualcosa di molto serio. Quindi sono rimasto molto sorpreso, ma ho anche sentito l’impegno di riferirlo a Peter Humphrey come l’autore mi ha chiesto di fare. ” Ha detto che il testo è stato molto rivelatore, che mostra che ci sono situazioni ingiuste nel mondo che non conosciamo e leggiamo ogni giorno. Ha sottolineato che è stato spostato per trovare quel messaggio poco prima di Natale, ha spiegato a sua figlia Florence cosa significava.

“Abbiamo spiegato che la persona che gli ha scritto è un prigioniero in Cina e ritiene che le guardie carcerarie sono molto cattive, e lo fanno lavorare sodo, si sente davvero triste”. Il giornalista Peter Humphrey ha dichiarato di pensare di sapere chi ha scritto quel messaggio, ma non rivelerà mai la sua identità per impedire al detenuto di affrontare rappresaglie.

Presume che un gruppo di prigionieri abbia deciso di inserirlo nella carta come richiesta di aiuto collettivo. La catena di supermercati Tesco ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di essere molto scioccata dalla scoperta, affermano che non permetteranno che i lavori penitenziari facciano parte della loro catena di approvvigionamento.

La società ha riferito di aver donato $ 390.000 ogni anno alla British Heart Foundation, Cancer Research UK e Diabetes UK per la vendita delle sue cartoline di Natale. Prima delle accuse dello scandalo, la Cina ha reagito immediatamente e ha respinto la veridicità delle informazioni sorte dopo che il messaggio è stato reso pubblico.

Il portavoce del Ministero degli Affari Esteri della Cina, Geng Shuang, ha dichiarato in una conferenza stampa: “La prigione di Qingpu non obbliga i prigionieri stranieri a lavorare, quella storia è una farsa creata dal signor Humphrey”.

Torino, Claudio Baima Poma uccide il figlio di 11 anni e poi si toglie la vita

Alex Zanardi: aggiornamento sulle condizioni dell'atleta paralimpico

Donna arriva a pesare più di 300 chili per compiacere il fidanzato

Trovato un corpo nel fiume Adda: potrebbe essere la 15enne scomparsa

Luca Berlingerio morto a 5 anni, durante un matrimonio

Zoppola, insegnante di 45 anni trovata morta in casa: lascia un figlio

La scrittrice Shanna Hogan, morta a 38 anni, davanti al figlio di 14 mesi