un miracolo

Assicura che un miracolo gli ha fatto recuperare la sua vista dopo 14 anni della sua vita senza essere in grado di vedere.

La fede sarà sempre uno dei più grandi misteri dell’uomo. Quella forza di credere in Dio sembra tenere più di uno in piedi di fronte alle avversità più difficili ed è lì dove i veri miracoli sembrano accadere. Proprio come quello che è accaduto a un reverendo della Virginia che ha recuperato la vista, dopo oltre 14 anni di cecità.

Il reverendo Philip Dunn della Valley Christian Assembly è stato diagnosticato con degenerazione maculare quando aveva 46 anni. L’uomo aveva cominciato a vedere sfocato e aveva partecipato a una consultazione con uno specialista, il quale gli disse che a poco a poco avrebbe perso la vista. Dunn ha cominciato a vedere punti neri, ha dovuto aumentare la dimensione del carattere nel suo computer per poterlo leggere. Per questo motivo ha smesso di guidare e preparare i suoi sermoni, dal momento che stava diventando più difficile ogni giorno. Tuttavia, il reverendo decise di fidarsi e, nonostante la scomparsa della sua vista, continuò a predicare. Finalmente una domenica mentre era sul podio pronto a predicare, il reverendo prendeva i suoi appunti e non riusciva a decifrarli. L’uomo aveva perso la vista, il suo processo degenerativo non era lento come aveva assicurato il dottore. Ciò accadde 9 anni dopo aver iniziato il suo ministero pastorale, che ha praticato per quasi 24 anni. Ma nonostante non fosse in grado di vedere, il Reverendo non abbandonò la sua missione e si costruì una Bibbia elettronica per ascoltare la parola e preparare i suoi sermoni.

A 60 anni, la cecità non è mai stata una ragione per rinunciare, ma è diventata la forza per rendere testimonianza dell’amore di Dio. Il reverendo Dunn frequenta un carcere di massima sicurezza e ha portato la parola di Dio ai prigionieri per quasi 7 anni. Fa anche parte del Centro per i Ciechi delle Assemblee di Dio, la Chiesa che frequenta.

“Le cose che il Signore mi ha insegnato nell’oscurità, non avrei potuto impararle alla luce”, dice Dunn. Nell’agosto del 2018 si è aggiunta una ulteriore complicazione al problema della vista del reverendo. Dunn soffriva di forti mal di testa e nell’occhio sinistro, a causa delle sue cataratte. Una di queste si è rotta e ha richiesto un intervento chirurgico per rimuoverla e impedirle di causare ulteriori danni al suo nervo ottico.

Tuttavia, la chirurgia comportava anche un certo rischio perché è una procedura complicata. Per questo motivo, il reverendo era impegnato a pregare prima della sua operazione. Dunn è rimasto nel tempio da domenica a mercoledì chiedendo la sua guarigione ma non ha ricevuto risposta.

Al contrario, il dolore era aumentato. L’operazione era prevista per giovedì mattina e molto presto l’uomo è entrato in sala operatoria. Fortunatamente, tutto era andato bene e la cataratta era stata rimossa senza complicazioni. Dunn tornò a casa e un giorno di notte sentì il bisogno di rimuovere il cerotto che copriva il suo occhio. Fu lì che vide la risposta alle sue preghiere: il reverendo poteva vedere il salotto della sua casa e il volto di sua moglie che non vedeva da quasi 15 anni.

La famiglia era felice e con la loro fede in crescita a causa del miracolo che avevano visto. Due settimane dopo l’uomo subì un altro intervento chirurgico, questa volta per rimuovere la cataratta nell’occhio destro. Enigmaticamente, anche lì ha riacquistata la vista e i medici non hanno trovato alcuna ragione per non attribuirlo a un miracolo.

“I medici hanno fatto quello che potevano. Dio ha fatto ciò che non potevano”, ha detto Sarah, la figlia maggiore del reverendo. Ora, quest’uomo che non vedeva da anni ha potuto ammirare i volti della sua famiglia e conoscere l’aspetto suoi loro nipoti. La vista del reverendo Dunn è 20/30 nell’occhio destro e 20/60 nell’occhio sinistro.

Qualcosa che semplicemente non poteva spiegare la medicina ma la fede si. Oggi più che mai quest’uomo è disposto a condividere la sua esperienza e testimonianza. Condividi questo caso pieno di speranza ed enigmatico. Lascia che rendiamo possibile che la storia di quest’uomo aiuti a portare speranza a coloro che come lui hanno un grande bisogno di guarire.

DPCM con regole più restrittive in arrivo: coprifuoco nazionale?

Lombardia, necessaria autocertificazione per chi circola dalle 23 alle 5

Incidente a San Salvo Marina, Sara Amma Favia morta a 17 anni

La testimonianza di Daniele Mondello sul settimanale Giallo

Autocertificazione in Campania per gli spostamenti: cosa c'è da sapere

Coronavirus: il comune di Arzano sarà zona rossa

Camerota, i primi risultati dell'autopsia di Nancy Chirichiello