Un natale indimenticabile

Questo è l'ultimo natale che questa famiglia potrà passare insieme, qualcuno dovrà dire addio per sempre ma insieme di deprimersi, chiedono aiuto per vivere un natale indimenticabile

Home > Attualità > Un natale indimenticabile

A volte il destino ci sorprende con notizie devastanti, come questa famiglia, che vuole anticipare le celebrazioni natalizie perché il padre ha ricevuto una diagnosi di cancro terminale. David, 41 anni, e Lisa Parkes, 40 anni, di Prenton on the Wirral, si sono conosciuti quando avevano appena 10 anni e quando erano adolescenti hanno iniziato una relazione romantica che durata fino ad oggi.

Al momento hanno quattro figli adottati e due gemelli che hanno avuto dopo un trattamento di fecondazione in vitro. Due anni fa a David è stato diagnosticato un cancro esofageo, è stato sottoposto a sedute di chemioterapia e radioterapia e poi è stato sottoposto a un intervento chirurgico per rimuovere parte dell’esofago.

David è riuscito a riprendersi, ma sfortunatamente hanno recentemente scoperto che la malattia è tornata. I dottori gli dissero che aveva solo dodici mesi da vivere. Ora la loro unica priorità nel mezzo di così tanto dolore è che possano avere bellissimi ricordi di famiglia in quello che potrebbe essere il loro ultimo Natale insieme.

James, il fratello di Lisa, ha creato una campagna su GoFundMe per raccogliere fondi e far sì che la famiglia si goda una vacanza insieme, poiché gli otto membri non hanno mai viaggiato all’estero. Ognuno cerca di offrire il proprio supporto a David in questi tempi difficili di angoscia e incertezza.

Sua moglie ha detto: “So di essere insensibile, cerco solo di continuare ad andare avanti con David e i bambini perché so che se lascio andare emotivamente in tutto ciò, mi spezzerò rendendo i suoi ultimi giorni ancor più pesanti. Ho i miei momenti in cui sono sola in macchina e piango, ho pianto con David, ma so che tutto ciò che i dottori gli hanno detto non lo ha affondato. Dobbiamo solo vivere giorno per giorno.”

HANNO REALIZZATO IL LORO SOGNO DI ESSERE GENITORI
Lisa e David si sono trasferiti insieme nel 1998 e hanno iniziato a formare la loro famiglia, quando aveva solo 16 anni le è stata diagnosticata la sindrome dell’ovaio policistico e sapeva che sarebbe stato difficile essere madre. Quindi ha subito un trattamento di fecondazione in vitro. Dopo tre tentativi falliti furono devastati.

Sebbene fossero genitori adottivi, Lisa e David fecero l’ultimo tentativo di diventare genitori attraverso un’altra fecondazione in vitro grazie alla madre di Lisa che pagò il trattamento. Il 20 agosto, gli embrioni sono stati impiantati e hanno dovuto aspettare dieci giorni per vedere se il risultato era andato a buon fine, dopo nove giorni ha fatto un test di gravidanza, risultato positivo.

HANNO VISSUTO MOMENTI DIFFICILI
Un mese dopo, la madre di Lisa, che ha combattuto per anni contro una grave malattia, è morta. Lisa le disse: “Non andare, devi incontrare i tuoi nipoti .” Ma lei rispose che non poteva, e quella notte morì con la sua famiglia.

A Lisa fu diagnosticata una depressione postpartum, prescritti antidepressivi e terapie psicologiche. “È stato molto difficile per me dormire, ho iniziato ad avere molta ansia, non potevo nemmeno uscire di casa”, ha detto sottolineando che David non ha mai smesso di sostenerla.

RICEVONO UNA DIAGNOSI DEVASTANTE
La sua famiglia è cresciuta ed erano completamente felici, fino a quando David ha iniziato a presentare strani sintomi, tra quei problemi da ingoiare. Attraverso un’endoscopia, i medici hanno trovato un tumore avanzato nel suo esofago , operato per rimuoverlo dopo un duro trattamento. L’intervento è durato 11 ore.

Dallo scorso aprile, David ha iniziato a presentare sintomi che gli hanno causato molta paura. “Aveva il raffreddore, pensava fosse normale fino a quando un giorno si è alzato senza voce. Dopo un appuntamento medico e una TAC hanno confermato che avevo un tumore e che questa volta era incurabile “, ha detto Lisa.

Il dottore disse loro che non c’era nulla che potessero fare per lui tranne la chemioterapia e le cure palliative. La sua aspettativa di vita è di dodici mesi se viene sottoposto a trattamento e può essere ridotto della metà se opta solo per le cure palliative.

La sua storia ha commosso molti nelle reti, invita le famiglie a Natale ad apprezzare ogni secondo valorizzando la presenza dei propri cari e vivendo ogni giorno come se fosse l’ultimo.