Un piccolo bambino con un tavolino improvvisato

"Stavo camminando per strada quando l'ho visto, un piccolo bambino con un tavolino improvvisato, nel mezzo della strada che sembrava fare dei compiti. Quando mi ha detto il motivo per cui si trovava lì, mi sono accorta di quanto lui fosse grande e noi altri così....piccoli."

Home > Attualità > Un piccolo bambino con un tavolino improvvisato

Tutto è iniziato quando una ragazza filippina ha postato sul suo profilo Facebook una fotografia di una scena che ha attirato la sua attenzione. Una notte mentre camminava per le strade della sua città, trovò qualcosa che la colpì: un bambino era seduto sul pavimento di fronte a un fast food (McDonald’s) e stava facendo i compiti sul suo taccuino su un tavolino di legno improvvisato.

Secondo le informazioni del manager locale, il bambino ha 9 anni e si chiama Daniel Cabrera. In compagnia della madre vedova e il fratello minore di 7 anni, chiedono l’elemosina ai passanti in quello stesso luogo durante il giorno. Daniel è in terza elementare alla Subangdaku Elementary School di Cebu, nelle Filippine. L’autore della foto si chiama Joyce Torrefranca ed è uno studente dell’Università di Medici di Cebu. Ha detto che vedere Daniel l’ha ispirata a lavorare di più ea ricordare la gratitudine con i suoi genitori per avergli dato l’opportunità di frequentare la scuola. È sicura che il grande esempio di questo bambino possa ispirare molte persone, continuare ad andare avanti nonostante le avversità e che la risorsa più importante che dobbiamo imparare sia la volontà e la migliore disposizione per motivarci a raggiungere i nostri obiettivi. Daniel non ha elettricità in casa sua, ma non è un ostacolo e fa i compiti per strada. Oltre all’energia elettrica, Daniel avrà anche bisogno di molte cose, ma è molto motivato e responsabile. Sogna di andare all’università e diventare un medico o un ufficiale di polizia. E questo è un grande esempio per tutti , è un segno che le risorse materiali non fanno la differenza.

Ciò che conta davvero è ciò che è inestimabile, ciò che non possiamo vedere e ciò che è dentro di noi.

Daniel e tutti i bambini che crescono lottando per raggiungere i loro obiettivi, meritano una mano.

Grazie alla sensibilità di Joyce, che non ha trascurato quello che stava vedendo, la portata della pubblicazione è stata così alta che alcune organizzazioni sociali prestato attenzione al caso per offrire aiuto ai bambini della zona.