un piccolo eroe di 4 anni

Una donna ha chiuso in macchina 7 bambini tra i 2 e 4 anni, sotto il sole cuocente, per andare dentro un centro commerciale. Ma questa volta niente tragedie, grazie a un piccolo eroe di 4 anni che ha preso in mano la situazione

Una donna irresponsabile ha lasciato sette bambini rinchiusi in un veicolo per quasi venti minuti senza alcuna supervisione e la temperatura elevata. Il più grande dei piccoli ha sorpreso tutti quando ha preso il controllo della situazione e ha chiesto aiuto al 911. Gli agenti costernati hanno immediatamente risposto alla chiamata.

L’incidente è avvenuto in un caldo pomeriggio nel parcheggio del St. Charles Towne Mall nel Maryland La donna che aveva lasciato i bambini abbandonati in macchina era la madre di due di loro, e si prendeva cura degli altri cinque. L’età dei bambini variava tra i 2 e i 4 anni. Quando il bambino ha chiamato il 911 non sapeva dove fosse, ma con l’aiuto di un GPS, la polizia è stata in grado di rintracciare la chiamata e localizzare il luogo. Hanno trovato la macchina chiusa e spenta, dentro insieme a lui c’erano i sette bambini spaventati e sudati. Nessuno si guardò intorno. “Gli agenti hanno aiutato i bambini a scendere dal veicolo e il servizio sanitario e di emergenza della contea di Charles ha prestato le cure sulla scena”, ha detto una dichiarazione dell’ufficio dello sceriffo della Contea di Charles. Dopo quasi dieci minuti dall’arrivo degli ufficiali, la donna di 37 anni che guidava il veicolo è apparsa, inizialmente non ha detto il motivo per cui aveva lasciato i bambini da soli in macchina. Quando glielo chiesero di nuovo, lei rispose che era un momento in bagno al centro commerciale, ma gli agenti sapevano che stava mentendo. Avevano le prove delle telecamere di sicurezza dove era stata vista, misurando delle scarpe in un negozio di calzature nel centro commerciale.

Fu immediatamente arrestata e accusata di incarcerazione in un autoveicolo .
Questo non è l’unico caso di abbandono nei veicoli di minori, ci sono state situazioni simili prima. Per questo motivo, il Dipartimento dei servizi sociali risponde e assiste in questi casi di “auto bollenti”, come è già noto.

C’è persino l’informazione che a New Yersey un bambino piccolo è morto dopo essere stato lasciato solo in una macchina. Un altro caso simile fu quello di una piccola di quasi due anni che morì in condizioni simili, ma nel comune di Lakewood. Sempre in Minnesota, un padre è stato arrestato dopo aver lasciato un bambino di 4 anni in una macchina calda mentre lavorava.

L’ironia di questo è che quando ai genitori viene chiesto del loro comportamento riprovevole aggiungono cose del tipo: ho dovuto lavorare e non c’era nessuno con cui lasciarlo, sono andato al supermercato per un momento. Spiegazioni assurde e irresponsabili che non giustificano il rischio a cui sottopongono i minori, in molti casi conducendo alla morte.

Condividi questa storia insolita con tutti i tuoi amici e ricorda che tutti i bambini meritano di avere una vita tranquilla e sicura. Applausi per i genitori responsabili che proteggono i loro bambini!

Famiglia uccisa in California, padre, madre, neonata e anche il cane: per la polizia è colpa di un'alga tossica

Famiglia uccisa in California, padre, madre, neonata e anche il cane: per la polizia è colpa di un'alga tossica

Incidente a Novara, mamma e figlia di 13 anni morte a causa dei traumi riportati

Incidente a Novara, mamma e figlia di 13 anni morte a causa dei traumi riportati

Che fine ha fatto il comandante Francesco Schettino

Che fine ha fatto il comandante Francesco Schettino

Doveva operarsi per un tumore ma scopre che era tutt'altro

Doveva operarsi per un tumore ma scopre che era tutt'altro

Pier Francesco Carofano, il 19enne che si è sparato un colpo alla testa dopo un litigio con i genitori, non ce l'ha fatta

Pier Francesco Carofano, il 19enne che si è sparato un colpo alla testa dopo un litigio con i genitori, non ce l'ha fatta

Nuove ed inedite intercettazioni di Anna Corona sul caso di Denise Pipitone

Nuove ed inedite intercettazioni di Anna Corona sul caso di Denise Pipitone

Dora Lagreca, tracce di sangue consegnate dalla famiglia in Procura

Dora Lagreca, tracce di sangue consegnate dalla famiglia in Procura