Un posto per la donna incinta

La donna incinta, era visibilmente stanca, dopo ore d'attesa le sue gambe stavano cedendo, ma nessuno dei presenti era disposto a concederle un posto a sedere. La reazione del marito è stata ripresa e pubblicata sollevando l'ira di migliaia di utenti

Tutti i posti in una sala d’attesa dell’ospedale Hegang, una città nella provincia di Heilongjiang, in Cina, erano occupati quando una paziente incinta visibilmente stanca aveva bisogno di sedersi. Dopo ore in attesa di cure mediche, si sentiva debole, non riusciva nemmeno a trattenere le gambe e aveva paura di cadere.

Nonostante le sue condizioni, nessuno era disposto a rinunciare al proprio posto, i presenti sono rimasti indifferenti alla situazione della donna incinta che meritava di riposare per il suo benessere e per quello del suo bambino.

Sfortunatamente, la priorità di offrirle un posto a sedere non importava a nessuno. Questo comportamento è attribuito alla mancanza di empatia, o forse qualcuno era completamente distratto con gli occhi sullo schermo del proprio telefono cellulare. Suo marito, che la accompagnava, cercò di farle da sedia perché lei potesse appoggiare e riposare mentre aspettava.

Uno dei testimoni dell’incidente, registrò la scena con il suo telefono cellulare e furono condivise dalla polizia di Hegang. Da allora, nei social network sono sorte migliaia di reazioni riguardo al comportamento di coloro che si sono rifiutati di offrire la sedia alla paziente incinta.

La maggior parte degli utenti ha espresso il proprio sdegno nei confronti di coloro che non si sono alzati dal proprio posto, staccandosi dal proprio comfort per offrirlo a quella donna che affrontava l’inconveniente della gravidanza. Era visibile che presentava disagio e che aspettava di essere visitata nella consultazione medica.

Quando la donna sentì che le sue gambe erano deboli, era indispensabile che si sedesse, quindi suo marito si inginocchiò sul pavimento per offrirle la schiena come sedile. Il gesto dell’uomo che divenne una “sedia umana” ha ricevuto un’ondata di commenti positivi sulle reti.

Il video è diventato presto virale, viaggia per il mondo e ha contribuito a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’indifferenza di molte persone sul bisogno e sul dolore del prossimo. Anche in alcuni casi, ci sono persone che hanno una disabilità invisibile che non si nota a occhio, ma le rende bisognose di attenzione preferenziale, come un posto nel trasporto pubblico o una sala d’attesa.

Dovrebbero esserci siti preferenziali per donne in gravidanza, anziani, malati o disabili e dovrebbero rimanere liberi quando coloro che hanno il diritto di usarli hanno bisogno di loro.

Altrimenti, i cittadini dovrebbero essere attenti a offrire il proprio sostegno dando priorità a coloro che devono potersi sedere.

Viviana Parisi, mamma scomparsa con il figlio: avvistata allontanarsi per le campagne

Coronavirus a Portici, 7 positivi nella stessa famiglia

Sinisa Mihajlovic, l'allenatore del Bologna sta meglio dopo il trapianto

L'appello disperato di Daniele Mondello: "Viviana torna a casa"

Emanuela Urso: i familiari chiedono di non portare rose rosse ai suoi funerali

Pavona: treno rischia di deragliare a causa di una panchina gettata sui binari

Anna Maria Marziliano si frattura un piede, dopo ha un malore e muore