Un prete rifiuta di benedire un defunto perché il suo corpo “è corrotto”

Un prete rifiuta di benedire un defunto, durante la messa de funerale, perché afferma che il corpo del defunto "è corrotto"

“È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che una persona corrotta entri nel Regno dei Cieli”, è una non proprio ortodossa semi citazione del Vangelo dell’apostolo Matteo che Leon Valencia, un parroco di una chiesa a Tlanalapa in Messico ha fatto sua e che ha generato molta confusione.

Fonti affermano che il sacerdote è stato attaccato fisicamente e verbalmente per essersi rifiutato di benedire il corpo di un defunto, sostenendo che era “corrotto” e che non sarebbe stato ben accolto nel Regno di Dio.

L’incidente è avvenuto il 15 settembre, ma il video ha recentemente iniziato a girare sui social network.

Si può osservare il religioso che cerca di spiegare che la bara non poteva rimanere all’interno della chiesa a causa dell’elevato grado di decomposizione del cadavere, quando viene interrotto da una spintone e dalle grida delle donne, che chiedono la benedizione.

Sebbene Valencia avesse offerto alla famiglia di celebrare il funerale di sabato, i parenti del defunto hanno deciso di aspettare di seppellirlo fino a domenica pomeriggio per officiare una messa in suo onore, tempo più che sufficiente perché il corpo andasse in decomposizione.

Inoltre, il parroco ha chiesto che i parenti lasciassero la chiesa e in quel momento è rimasto vittima delle aggressioni e delle forti pressioni di numerosi partecipanti alla cerimonia, ma ha insistito ancora una volta sul fatto che il corpo “era già corrotto”.

Il sacerdote, che si è già scusato pubblicamente, ha detto che i presenti alla Messa non hanno capito il suo concetto di “corrotto” e lo hanno confuso con “immorale”, da qui l’incomprensione.

Mi riferivo allo stato del corpo, che era in decomposizione. Ecco perché ho chiesto alla famiglia di non fare entrare in una chiesa piena di parrocchiani un cadavere in uno stadio così avanzato”, ha spiegato il sacerdote.

Alla fine, spinto dalle aggressioni e dagli insulti della famiglia indignata dal non aver capito il significato della parola “corrotto”, il povero sacerdote si è avvicinato al feretro e ha accettato di dire un paio di preghiere sul defunto, aspergerlo con alcune gocce di acqua santa e a ritirarsi, tuttavia, i parenti del defunto non hanno smesso di molestarlo.

Infatti, i parenti si sono dati il ​​compito di raccogliere le firme in modo che le autorità ecclesiastiche cambino il parroco della chiesa e chiedano il suo immediato trasferimento.

Data la scarsa istruzione della maggior parte dei presenti, questo errore apparentemente innocente di confondere “corrotto” con “persona immorale” può costare oggi al nostro protagonista il posto e avrebbe potuto costargli anche qualche dente in meno se avesse continuato a cercare di spiegare alla folla le sue motivazioni.

Condividi questa storia insolita con la tua famiglia e i tuoi amici e leggi molto, non sia mai che domani ti succeda qualcosa di simile e per tua ignoranza non minacci di picchiare qualcuno innocente.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Tragedia in provincia di Venezia, Giulia Segato è morta a 29 anni vicino la sua abitazione

Tragedia in provincia di Venezia, Giulia Segato è morta a 29 anni vicino la sua abitazione

Lutto a Loreto, il piccolo Gregorio Alessi è morto a soli 6 anni: era affetto da leucemia

Lutto a Loreto, il piccolo Gregorio Alessi è morto a soli 6 anni: era affetto da leucemia

Savona, eseguita l'autopsia sul corpo di Marika Galizia: morta a 27 anni durante il parto

Savona, eseguita l'autopsia sul corpo di Marika Galizia: morta a 27 anni durante il parto

Montecchio Maggiore, l'ultimo straziante addio a Alessandra Zorzin

Montecchio Maggiore, l'ultimo straziante addio a Alessandra Zorzin

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Denise Pipitone: rintracciata la "bambina" sulla nave per la Tunisia

Denise Pipitone: rintracciata la "bambina" sulla nave per la Tunisia

Caltanissetta, arrestato il papà della bambina di 8 anni che ha ingerito cocaina

Caltanissetta, arrestato il papà della bambina di 8 anni che ha ingerito cocaina