Un ricercatore britannico ha trascorso 60 giorni per strada

"Non darò mai più 1 euro ai senzatetto". Un ricercatore, dopo aver trascorso 60 giorni per strada, ha deciso di non dare più qualche spicciolo ai senzatetto e vuole invitare tutti a non farlo. Ecco cosa ha scoperto...

Home > Attualità > Un ricercatore britannico ha trascorso 60 giorni per strada

Un ricercatore britannico ha trascorso 60 giorni per strada e ha deciso che non avrebbe mai più dato soldi ai senzatetto.

Ed Stafford è un ricercatore che dopo aver trascorso 60 giorni per strada, ha deciso di non dare più qualche spicciolo ai senzatetto. Ecco cosa ha scoperto…

Ed Stafford è un ex capitano, avventuriero e viaggiatore dell’esercito britannico. Durante le riprese del film documentario “60 days in the street” per Channel 4, ha deciso di condurre un esperimento: lasciare suo figlio, sua moglie e la sua accogliente casa per essere un senzatetto per 2 mesi. Ha dovuto vivere al freddo, senza cibo, soldi o riparo, per scoprire perché le persone scelgono di vivere per strada e come vivono realmente.

Questo esperimento è stato molto interessante ed abbiamo deciso di raccontarvelo.

Il problema dei senzatetto è qualcosa che si verifica non solo nelle grandi città. Nel Regno Unito sono state contate 320 mila persone senza casa (circa una su 200). Allo stesso tempo, oltre la metà di queste persone vive a Londra e molti senzatetto sono ex militari.

Ed Stafford, ora 43enne, ha deciso di scoprire in prima persona come le persone finiscono a vivere in strada e per questo motivo si è recato nelle vie di Londra, Manchester e Glasgow.

In precedenza, Ed aveva superato a piedi una distanza di oltre 6,4 mila chilometri lungo il Rio delle Amazzoni, entrando così nel Guinness dei Primati come prima persona a fare un viaggio del genere. Durante le riprese del Discovery Channel, Ed ha trascorso 60 giorni isolati a Olorua (un’isola deserta nelle Figi), senza cibo, acqua, vestiti o strumenti. Ci sono stati momenti in cui il coraggio lo ha abbandonato completamente ed era così stanco e sconvolto che piangeva per qualsiasi sciocchezza, ha sofferto molto per la fame.

Questa esperienza è stata la più spaventosa della sua vita. Con i giorni che passavano, Ed si è reso conto che la vita dei senzatetto era più redditizia di quanto pensasse. In una notte riusciva a guadagnarsi dalle 100 alle 200 sterline, più di quanto guadagna in media un londinese al lavoro.

Né aveva bisogno di cibo: i volontari distribuivano hamburger e altri cibi dei fast food ai senzatetto, gratuitamente e ovviamente in più quantità del necessario.

A Glasgow, Ed contava fino a 26 volontari che distribuivano cibo, anche se c’erano solo due senzatetto. Uno dei senzatetto si era persino lamentato con lui del fatto che le persone gli davano troppo cibo.

In 60 giorni, Ed ha guadagnato più di 5 chili e pensava invece che, non potendo mangiare come faceva di solito, avrebbe sofferto la fame e quindi perso molto peso. Ma invece è stato il contrario.

Ci sono stati giorni in cui è stato costretto a rovistare nella spazzatura e si è lavato con l’acqua dei bagni pubblici. Era convinto che nessun senza tetto volesse dormire al freddo ma in realtà, molti preferiscono la strada ad un rifugio.

Ha conosciuto un senzatetto che in 20 minuti si era guadagnato 20 sterline chiedendo soldi, a loro diceva che gli avrebbe spesi per un rifugio, ma invece li ha spesi per droghe.

Quest’uomo non era l’unico. Molti, con la scusa di chiedere soldi per un rifugio, si sono guadagnati il necessario per acquistare droghe e bevande alcoliche. Questa è una delle scoperte che ha fatto Ed Stafford in 60 giorni e per questo motivo ha deciso di non dare più un euro.

Durante il suo esperimento, Ed ha dovuto affrontare l’aggressività e la tossicodipendenza, ha assistito alla lotta tra due senzatetto per un posto favorevole, oltre a essere stato cacciato dalla polizia, sotto la minaccia di un arresto per aver chiesto l’elemosina. Molte volte ha trovato il suo sacco a pelo sporco perché alcuni, per dispetto, avevano fatto i suoi bisogni. Ma il peggio è arrivato quando una notte qualcuno ha tentato di incendiare il suo angolino, fortunatamente solo il suo sacco a pelo e le sue coperte erano andate a fuoco.