una bambina dall’Uganda

Una coppia adotta una bambina dall'Uganda, ma quando si rendono conto del suo passato, la restituiscono subito al suo paese.

Home > Attualità > una bambina dall’Uganda

E’ bello leggere buone notizie circa la gente comune che diventano veri eroi con piccole azioni, tuttavia, anche se molti hanno la volontà di fare il meglio per gli altri, non tutto il tempo sanno che dietro a tale sostegno, v’è un Mafia molto oscura. Una situazione molto complessa è stata vissuta da una famiglia dell’Ohio, Stati Uniti, che da diversi mesi desiderava adottare una ragazza bisognosa del continente africano.

La coppia, Adam e Jessica Davis, ha scelto l’Uganda come il paese da cui avrebbero cercato di avere il loro quinto figlio. La coppia ha già 4 bambini biologici, ma volevano espandere il loro nucleo familiare con un piccolo bambino adottato. Il processo di adozione non è facile. Entrambi hanno dovuto seguire una lunga serie di scartoffie e fatture che superano le migliaia di dollari per i servizi forniti dall’agenzia European Adoption Consultants. Lo scopo di Davis era accogliente una bambina orfana da un paese africano dove era nata Mata, una bella bambina ugandese che è stata trascurato dalla madre dopo la morte del padre, e per questo motivo, fu internata in un orfanotrofio. Nel 2015, i Davis andarono a visitare Mata e furono felicissimi della bambina, ma allo stesso tempo erano preoccupati per la situazione della piccola nell’orfanotrofio locale. Era in un orfanotrofio, senza giocattoli con le barre di metallo sulla finestra” , dice Jessica Davis. Dopo molte attese, la bambina dell’Uganda arrivò negli Stati Uniti e incontrò la sua nuova famiglia, tuttavia la comunicazione con i suoi nuovi genitori, fratelli e sorelle non era possibile perché Mata non parlava ancora inglese.

I suoi genitori l’hanno iscritta a diverse lezioni di inglese per imparare la lingua ed essere in grado di comunicare con la sua famiglia e il resto dell’ambiente. Non appena Mata iniziò a capire l’inglese, fu in grado di comunicare qualcosa di molto importante ai suoi nuovi genitori.

Mata raccontò la sua vera storia in Uganda e, con sorpresa dei Davis, non ha nulla a che fare con la versione che gli European Adoption Consultants gli avevano dato al momento dell’adozione. La bambina ha detto che in Uganda ha avuto una vita felice, non era stata abbandonata e suo padre non è morto in un omicidio, come ha detto l’agenzia.

Visse con sua madre e la descrisse come una donna amorevole e affettuosa. In quel momento, Jessica sapeva che aveva fatto parte di una truffa e ha dovuto rimediare alla situazione. La donna contattò la madre biologica di Mata e scoprì che la bambina aveva assolutamente ragione. Immediatamente, Jessica e Mata portarono un aereo in Uganda in modo che la ragazza potesse essere riunita alla sua famiglia.

All’arrivo, Mata abbracciò calorosamente la madre biologica e scoprì parte delle orribili bugie dell’agenzia che separa le famiglie.

L’agenzia ha fatto firmare alla madre naturale di Mata, dei documenti che la facevano rinunciare alla maternità, ma credeva che fosse un permesso per consentire alla figlia di stare con una famiglia ospitante che le avrebbe finanziato l’istruzione e che poi la piccola sarebbe finalmente tornata a casa.

Jessica ha scoperto che ci sono famiglie felici che vengono separate dai loro figli da questo tipo di aziende, che ingannano tutti coloro che sono coinvolti da truffa con documenti e grandi somme di denaro.

Fortunatamente, Mata è tornata con la sua famiglia biologica dove non ha mai più dovuto separarsi. Come ti sentiresti se un giorno fossi allontanato dalla tua famiglia per sempre?

Scrivici nei commenti cosa pensi di questa storia e condividi questa notizia con i tuoi amici!