Una foto ambigua

La maestra fa una foto alla sua classe, ma poco dopo finisce sotto processo per un dettaglio che ha fatto infuriare il web.

In Sud Africa, un insegnante di scuola elementare ha diviso la sua classe in due: da una parte gli studenti dalla pelle bianca e dall’altra quelli dalla pelle nera. Questo è stato immortalato in una foto che ha fatto lei stessa e ha condiviso tramite WhatsApp, ma ha rapidamente raggiunto Internet ed è diventata virale, generando ripudio e indignazione sui social network.

Un utente francese ha fatto una pubblicazione che diceva: “Questa foto dovrebbe fare il giro del mondo” e il post è stato condiviso quasi un milione di volte. L’insegnante, Elana Barkhuizen, è stata accusata di razzismo e anche temporaneamente sospesa dalla sua posizione come insegnante. L’incidente è avvenuto in una scuola pubblica a Schweizer-Reneke, nella provincia del Sud-ovest, all’inizio dell’anno, a gennaio. La corte di Johannesburg ordinò la reincorporazione di Barkhuizen nella scuola. Secondo l’insegnante e il sindacato Solidarietà – composto principalmente da afrikaner, cioè discendenti dei primi coloni europei in Sud Africa – i bambini non erano realmente separati dalla razza ma dalla loro lingua. Il motivo? Spiegano che in questo modo l’insegnante ha cercato di far sentire a proprio agio i bambini durante il loro primo giorno di scuola. A scuola “dovevano fare in modo che i bambini che non parlano inglese o afrikaans (lingua parlata in Sudafrica), ma parlano solo Tswana, si sentano a casa”, ha detto l’organizzazione in un comunicato. Da parte sua, Barkhuizen ha detto che la fotografia era un esempio di “una classe piena di felicità, bambini sorridenti nel loro primo giorno di scuola”, ma che comunque è stato usato contro di lui, contro la scuola e contro i bambini.

Il 10 gennaio 2019 l’insegnante è stata licenziata, ma dopo un paio di settimane, il tribunale della giustizia a Johannesburg ha deliberato in suo favore e ha ordinato la reintegrazione di Barkhuizen a scuola visto che la sua sospensione è stata “fuori la legge. ”

Questi tipi di immagini sono preoccupanti ed è molto importante tenerne conto al fine di fermare atteggiamenti del genere nel tempo e non cancellare la memoria.

Ricordiamo che 25 anni fa, nel 1994, si concluse l’apartheid , un oscuro sistema di segregazione razziale in Sudafrica e in Namibia che garantiva il potere a una minoranza bianca.

In particolare, questo regime ha creato spazi separati basati su gruppi razziali, concesso il diritto di voto solo ai bianchi e vietato il matrimonio tra bianco e nero, tra gli altri atti privi di rispetto, tolleranza e uguaglianza.

Vale la pena condividere questo episodio per ricordare l’importanza di promuovere l’uguaglianza e il rispetto.

Gaiarine, Simone Furlan è morto dopo aver accusato un forte mal di testa ed un'infiammazione alle gengive

Gaiarine, Simone Furlan è morto dopo aver accusato un forte mal di testa ed un'infiammazione alle gengive

1,12 euro per una casa

1,12 euro per una casa

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Puglia: ragazza di 16 anni travolta e uccisa da un treno in corsa

Puglia: ragazza di 16 anni travolta e uccisa da un treno in corsa

Trova un quadretto nella spazzatura

Trova un quadretto nella spazzatura

Lutto a Spoltore, Gaia Pangiarella è morta a soli 19 anni

Lutto a Spoltore, Gaia Pangiarella è morta a soli 19 anni

Denise Pipitone: diffuso il nuovo Age Progression 2021. Ecco come potrebbe essere oggi

Denise Pipitone: diffuso il nuovo Age Progression 2021. Ecco come potrebbe essere oggi