Una mela molto cara

La costringono a pagare $500 per una mela. Racconta la sua storia perché non capiti la stessa cosa ad altri.

Cristal Tadlock ha viaggiato da Minneapolis a Parigi durante un volo di otto ore e mezza, ha dovuto prendere un volo di collegamento a Denver. Nell’aereo le hanno dato una mela, che la donna si è messa nella borsa, considerando le lunghe ore di viaggio che ancora la attendevano.

Il frutto faceva parte del servizio di ristorazione che la compagnia aerea Delta Airlines contempla per tutti i passeggeri. “L’ho messa nella mia borsa senza pensare a nulla”, disse Crystal. Prima di salire sul volo successivo ha attraversato la dogana e un agente l’ha fermata, “Che cosa abbiamo qui?” Disse l’agente. Ha subito continuato: “Bene, abbiamo una mela. Questa è una violazione civile” , ha concluso il funzionario. Crystal ha spiegato che la mela le era stata consegnata nel suo precedente volo, infatti, è stata conservata in una busta di plastica trasparente identificata con i loghi Delta e alcune argenterie. Ma quelle prove non erano sufficienti, l’agente doganale le disse che non c’era modo di controllare se l’origine della mela fosse la Francia o un altro posto. “Il funzionario mi ha chiesto se il mio volo per la Francia fosse costoso. E mi ha detto che stava per essere ancora più costoso”, ha detto Crystal. Si è offerta di buttar via la mela ma è stata trasferita in una stanza dove le è stato detto che aveva 20 giorni per pagare la multa che avrebbe ricevuto.

Ha contattato la Delta Airlines per informarli sull’incidente e hanno risposto sottolineando le normative agricole statunitensi che impediscono l’ingresso di determinati alimenti. La ragione della legislazione è il rischio che i frutti, per esempio, abbiano parassiti e malattie di animali esotici.

Crystal ha assicurato che aveva i servizi di Global Entrey, un programma di protezione doganale e di frontiera che semplifica il processo dei cittadini statunitensi al loro ritorno da un volo internazionale. Secondo le informazioni dell’US Customs and Border Protection Office (CBP), coloro che hanno il servizio Global Entry devono rispondere alle domande di dichiarazione doganale presentate all’ingresso.

Ma non è necessario completare il modulo di dichiarazione doganale prima dell’arrivo del volo. La donna ha detto che non avrebbe mai pensato che avrebbe dovuto dichiarare la mela perché era stata consegnata durante il volo. “Perché dare frutti sull’aereo? Basta dare barrette di cereali o qualcosa che non causi problemi”, ha detto Crystal.

Delta Air Lines stabilisce che le regole sugli articoli doganali sono molto chiare e sono specificate nei moduli di iscrizione all’aeroporto. “Delta consiglia a tutti i passeggeri di rispettare le norme e i regolamenti statunitensi in materia di protezione doganale e di confine quando entrano nel paese”, ha detto la compagnia aerea in una nota.

Uno dei suoi rappresentanti ha aggiunto che “la mela dovrebbe essere consumata sull’aereo”. Cristal ha presentato una denuncia contro l’agente CBP Border Patrol, dice l’ufficiale è stato maleducato e sembrava soddisfatto della spiacevole situazione.

Deve pagare $ 500 e ha revocato il beneficio per l’ingresso globale. “Mi ci sono voluti dai sei ai sette mesi per ottenerlo e mi è costato 160 dollari. La cosa divertente è che la multa è di 500 dollari perché avevo Global Entry, se non l’avessi avuto, la multa sarebbe stata inferiore. ”

Ha voluto diffondere il suo caso per allertare gli altri e chiedere giustizia per il trattamento che ha ricevuto e considerato inadeguato. “Se tutto il resto fallisce e devo pagare la multa forse aiuterò qualcun altro in futuro con la mia esperienza. Perfino Delta dovrebbe mettere una nota nella borsa con un avvertimento sui frutti consegnati. ”

Il caso di Crystal ha causato trambusto nelle reti, non lasciarlo senza condividerlo, puoi aiutare gli altri a prevenire.

Puglia, sospese le lezioni in presenza in tutte le scuole: l'annuncio di Emiliano

Roberto Zampardi denuncia la sua situazione: "Abbandonati dall'Asl"

Melito di Napoli, coprifuoco alle 20 per i minorenni: l'ordinanza del sindaco

Tom Parker ha scoperto di avere un tumore al cervello al quarto stadio

Un sindaco da ammirare

Giuseppe Conte illustra il Decreto Ristori: a chi andranno gli incentivi

Incidente a Caluso, il bimbo di 5 anni non ce l'ha fatta