Una pericolosa giornata al mare

Una giornata in spiaggia le è quasi costata la vita: "MI sono svegliata con dei dolori fortissimi alla gamba, e il mio piede era così gonfio che non riuscivo più a camminare"

Phoebe Robertson è una studentessa di 21 anni del Regno Unito sopravvissuta a un’infezione letale contratta durante una vacanza alle Barbados lo scorso ottobre. Un giorno in spiaggia ha avuto un infortunio al piede sinistro quando ha calpestato un riccio di mare , ha notato che si era infiammato dopo il contatto con la creatura.

“Due giorni dopo aver calpestato il riccio di mare, il mio piede ha iniziato a gonfiarsi, al punto che non riuscivo nemmeno a camminare”, ha detto. Andò in un ospedale sull’isola caraibica dove ricevette cure mediche, gli furono prescritti antibiotici e tornò nel suo paese d’origine una settimana dopo.

“Sono andata da un medico che mi ha raccomandato di usare salviette imbevute di alcol e antibiotici. I miei piedi sono migliorati in cinque giorni e poi sono tornata a casa. Quando siamo giovani, ci sentiamo invincibili. Non pensavo che ci fosse qualcosa di sbagliato e qualcosa del genere potesse accadermi “, ha aggiunto Phoebe.

La tragica esperienza che ha subito gli ha dimostrato che nessuno è esente dal contrarre una sepsi che minaccia un arto del corpo e persino la vita. È stata portata d’urgenza in un ospedale dove ha subito quattro operazioni per un periodo di sette giorni per rimuovere la pelle infetta e fermare l’infezione che ha colpito tutto il suo organismo.

La giovane donna è grata di essere viva e soprattutto di non aver perso la gamba. Una delle infermiere che l’ha curata in ospedale ha descritto il suo caso come “il miracolo più fortunato”. Quando Phoebe arrivò a casa, pensò di stare perfettamente bene, il gonfiore alla gamba era diminuito considerevolmente. Una settimana dopo tornò all’università e riprese le sue attività, fino a quando una mattina si decompensò.

“Mi sentivo abbastanza debole e sudata, sono andata a casa e ho passato tutto il giorno a vomitare. Il giorno dopo mi sono alzata e ho notato che qualcosa non andava nella mia gamba, ho pensato che fosse un crampo ”, ha detto la giovane donna. “Ho dormito per il resto della giornata, e quella notte la mia gamba si è indurita e mi faceva molto male. Non avevo mai sofferto un dolore così intenso. Ho urlato chiedendo aiuto ai miei coinquilini e mi hanno trasferito in ospedale”, ha detto Phoebe.

Un’infermiera le disse che aveva un’influenza grave e che avrebbe dovuto andare a casa, ma poiché lo studente insisteva che si sentiva davvero male, hanno fatto un esame del sangue. Quando hanno ottenuto i risultati, i medici hanno verificato che aveva contratto un’infezione da streptococco A nella gamba sinistra. Quel batterio vive sulla superficie della pelle e non è generalmente dannoso, ma se filtrato in una ferita aperta può causare sepsi.

I batteri erano entrati nel flusso sanguigno di Phoebe e il suo sistema immunitario ha presto reagito attaccando i suoi organi e tessuti. I medici le dissero che c’era un’alta probabilità che dovessero amputare la gamba sinistra per fermare l’infezione. Sebbene dopo quattro interventi chirurgici e un trattamento antibiotico, non è stato necessario.

Phoebe è stata ricoverata in ospedale per circa un mese e ha ricevuto sedute di fisioterapia oltre alle cure mediche in modo da poter imparare a camminare di nuovo. Fortunatamente, le resteranno solo cicatrici per la vita, ma poteva non sopravvivere, o in un altro scenario, perdere una gamba.

Non ha sensibilità alla gamba sinistra e le cicatrici le ricorderanno la dura esperienza che ha vissuto e che ha cambiato il suo modo di vedere la vita. “Devi apprezzare ogni giorno e ogni dettaglio. Questo mi ha avvicinato alla mia famiglia. Apprezzo molto le piccole cose , la vita è molto breve, devi godertela ”, ha detto Phoebe.

Jessica crede di essere incinta, ma alla fine...

Berlusconi è ancora positivo al Coronavirus: "Sto bene, mi sento un leone"

Lorenzo Seminatore perde la vita a 20 anni per colpa dell'anoressia

Marco e Gabriele Bianchi trasferiti nel braccio G9 di Rebibbia, già problemi con gli altri detenuti

Lecce, parla lo zio del killer Antonio De Marco: "Ragazzo tranquillo e sereno"

Viviana Parisi, parlano gli avv. Mondello e Venuti: "Crediamo siano stati i cani"

È morto Mark Stone, il bassista originario dei Van Halen