Una punizione indignante

A causa di un guasto alla macchina il suo bambino di 6 anni arriva tardi a scuola. Preoccupata si reca a scuola a pranzo per vedere come sta il suo bambino, ma scopre l'umiliante punizione che hanno dato a suo figlio.

Home > Attualità > Una punizione indignante

Il ritmo serrato della vita quotidiana delle mamme, a volte non consente loro di avere tutto sotto controllo. E anche se vogliono riuscire a fare tutto, qualche volta succede che arrivare in orario per le attività dei loro figli non è sempre possibile. Questo è quello che è successo a Nicole Sara Garloff, una madre che vive a Grants Pass, Oregon, con il suo bambino, che ora ha 10 anni.

Nel 2015, quando Hunter aveva solo 6 anni, Nicole stava portando il suo piccolo a scuola, ma purtroppo la sua auto si fermò, facendo si che il bambino arrivasse in ritardo. Ciò implicava la ben nota punizione, che è la detenzione in direzione della scuola. Anche se era colpa sua, non era del tutto colpa sua, perché Nicole soffre di osteoporosi cronica, e fare tutte le faccende la mattina è piuttosto difficile perché sente molto dolore. Lasciò suo figlio a scuola, ma mentre il mattino procedeva, si sentiva preoccupata, così decise di andare a pranzo a scuola per vedere come era andata la detenzione. Certo non si sarebbe mai immaginata che suo figlio fosse messo in imbarazzo in pubblico dal suo insegnante nel peggiore dei modi. Hunter era seduto da solo, completamente isolato dagli altri bambini, con una sorta di divisorio bianco di fronte a lui in modo che non riuscisse a vedere nemmeno uno dei suoi compagni e nessuno di loro potesse rivolgersi a lui. Aveva una tazza con una “D” di fronte a lui, che significa “Detenzione”. È oltraggioso!

Solo la madre poteva vedere le lacrime scivolare giù per le guance di suo figlio: escluso e imbarazzato, era troppo per lei. Il suo cuore era completamente distrutto! La madre era indignata perché non facevano tardi abitualmente, era la prima volta da tanto tempo. Così ha deciso di fare una foto per fare qualcosa al riguardo.

La donna raccontò tutto a sua madre, la nonna del ragazzo ha pubblicato l’immagine su Facebook, senza immaginare che avrebbe avuto quasi 80.000 reazioni in poche ore.

“Questo è mio nipote, Hunter. È un piccolo studente di prima elementare. A volte la macchina della sua mamma non funziona bene. Ieri mio nipote è arrivato con un minuto di ritardo e questa è la punizione che sua madre ha scoperto! Gli hanno fatto questo per qualcosa che è al di fuori del controllo di questo bambino! Lo prendono in giro di fronte agli altri studenti! Il direttore è responsabile per questo. Sua madre lo trovò lì, piangendo e lo portò a casa. Qualcuno vuole aiutarmi a bombardare questo direttore con chiamate per dirgli quanto sia inappropriato? “Era quello che scriveva la nonna del bambino.

Come previsto, il direttore ha effettivamente ricevuto il peggiore bombardamento di messaggi e critiche su di lui e sulla scuola. Ma l’intera comunità di Grant Pass voleva andare ancora oltre, risolvendo il problema con Nicole in modo che la sua auto non creasse più problemi e non arrivasse più in ritardo alla scuola di Hunter.

Quando lei e suo marito Mark, andarono a recuperare l’auto dal Kelly Automotive Service, trovarono la sorpresa della loro vita. Diversi uomini d’affari, il proprietario della concessionaria e un conduttore radiofonico locale, hanno unito le forze per acquistare a Nicole un nuovo mezzo.

“Sono stupito nel vedere la comunità unirsi in questo modo e nel vedere che ci sono ancora brave persone”, ha detto il padre felice. Ma la cosa più importante di tutte, grazie al fatto che questa storia ha avuto una tale risonanza nelle reti, la scuola ha cambiato il modo di gestire le politiche di detenzione.

Cosa ne pensi di questa storia? Cosa avresti fatto nel caso di questa madre oltraggiata? Condividilo!