una scatola in testa

In questa classe gli studenti sono costretti a tenere una scatola in testa. Le foto con la motivazione, hanno fatto il giro del web

Copiare in un esame è una pratica molto comune tra i giovani. Gli insegnanti spesso sviluppano tecniche per impedire che ciò accada, tuttavia alcuni insegnanti usano metodi davvero poco ortodossi, come questa storia di Haveri, in India, diventata virale sui social network.

Il Centro pre-universitario di Karnataka, è diventato notizia mostrando attraverso un gruppo sul social network Facebook, una stanza piena di studenti che fanno un esame con delle scatole posizionate in testa. Una sorta di dispositivo anti-copia che ha solo aperture nella parte anteriore della testa.

“L’insegnante che ha avuto questa geniale idea è il mio eroe, qualcosa di simile non mi sarebbe venuto in mente, un rimedio abbastanza economico per evitare che i ragazzi copino”, ha detto un utente di Internet sorpreso. Le immagini dei giovani divennero così virali con queste “gringole” di cartone che la notizia raggiunse Saresh Kumar, che è ministro dell’istruzione nella provincia in cui si trova la scuola.

Per il funzionario non c’è niente di divertente in questa azione e ha denunciato che nessuno studente può essere trattato in questo modo. A seguito dei commenti di Kumar, MB Satish, portavoce dell’istituzione scolastica, è uscito in difesa del professore che aveva avuto l’idea del meccanismo anti-copia. Non era un test convenzionale, era una specie di esperimento per evitare che gli studenti imbroglino in futuro. Nessuno è stato costretto a usare le scatole sulla testa, tutto è stato volontariamente.

 

“Il problema dei test è un inconveniente in molti luoghi del mondo. Questo deve farci attirare una profonda attenzione perché il nostro modello educativo non può essere basato su prove e tanto meno su imbrigli, i giovani hanno bisogno di più e nuovi stimoli per imparare ”, ha dichiarato preoccupato un utente di Internet.

Non è la prima volta che accadono queste cose in questa e in altre scuole in India. Durante il 2015, ci sono stati anche casi in cui un gruppo di genitori ha scavalcato le pareti di una scuola per “aiutare” i loro figli a rispondere agli esami.

Apparentemente, copiare è una pratica che sta colpendo le istituzioni educative indù.

Molto raramente la creatività è compresa, come in questo caso, anche se è vero che hanno esagerato un po’. Speriamo che le autorità educative dell’India possano trovare un modo per risolvere questi problemi quando valutano gli esami dei più piccoli.

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"