una strana immagine sul pc.

Era scomparso da vent'anni, la sua famiglia non ha mai saputo cosa gli fosse successo e il suo caso rimase aperto. Quando ormai le speranze erano perse, qualcuno scopre una strana immagine sul pc.

La tecnologia ha invaso tutte le aree umane e la geografia e le mappe non sono esenti da questa invasione. L’applicazione Google Maps è molto famosa perché può aiutarti a disegnare rotte verso una destinazione e persino a offrire immagini satellitari. Ora queste immagini satellitari hanno aiutato a trovare dove si trovasse un uomo scomparso nel 1997.

William Moldt, residente in Florida, negli Stati Uniti, è stato dato per  disperso dalla sera del 7 novembre 1997, dopo essere uscito per frequentare un club e non essere più tornato.

La polizia della Florida condusse le dovute indagini, ma non riuscì mai a trovare  l’uomo, quindi il suo caso rimase aperto.

Recentemente, un cittadino della Florida stava facendo una ricerca sulla sua applicazione Google Maps e mentre guardava le immagini satellitari di Moon Bay Circle, ha notato che qualcosa di strano si trovava in uno degli stagni che era visualizzato sul suo schermo.

Un altro cittadino di Wellington ha riferito che il suo drone aveva catturato le immagini di un’auto affondata nello stesso stagno che avevano riportato giorni prima.

Quindi la polizia è andata sul luogo segnalato e, in effetti, hanno trovato un’auto affondata, giorni dopo le indagini hanno mostrato che il corpo che era dentro apparteneva a William Moldt.

Meglio tardi che mai, ora la sua famiglia può cercare una sua pace e lo seppellirla come dovrebbe“, ha detto un utente di internet.

Un’altra indagine ha dimostrato che dal 2007 quell’immagine era già disponibile su Google Maps, ma nessuno l’aveva ancora osservata attentamente per denunciare il veicolo.

La polizia ha formulato la teoria che William abbia perso il controllo della macchina ed è per questo che è caduto nello stagno.

Che orrore quando ci vogliono più di venti anni per scoprire cosa è successo al tuo familiare, ma almeno l’hanno trovato alla fine“, ha detto un altro utente sul web.

La famiglia di William si è detta grata che il suo caso potesse finalmente essere chiuso e che hanno potuto sapere con certezza cosa gli è capitato in quella notte in cui è uscito di casa.

È incredibile che Google Maps abbia svolto il compito meglio della polizia, anche se non ho dubbi che si siano sforzati di risolvere il caso“, ha affermato qualcuno commentando la notizia.

Indubbiamente, gli strumenti tecnologici possono essere molto utili per risolvere questi tipi di casi , è sufficiente avere molta pazienza e desiderio di trovare risposte.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Montecchio Maggiore, l'ultimo straziante addio a Alessandra Zorzin

Montecchio Maggiore, l'ultimo straziante addio a Alessandra Zorzin

Denise Pipitone: rintracciata la "bambina" sulla nave per la Tunisia

Denise Pipitone: rintracciata la "bambina" sulla nave per la Tunisia

Chi l'ha visto: la frase intercettata tra Anna Corona, la madre e la figlia Jessica

Chi l'ha visto: la frase intercettata tra Anna Corona, la madre e la figlia Jessica

Caltanissetta, arrestato il papà della bambina di 8 anni che ha ingerito cocaina

Caltanissetta, arrestato il papà della bambina di 8 anni che ha ingerito cocaina

Lutto per l'ex allenatore Attilio Perotti: la moglie è morta a seguito di una caduta dal quarto piano

Lutto per l'ex allenatore Attilio Perotti: la moglie è morta a seguito di una caduta dal quarto piano

Bimbo precipitato dal balcone a Napoli, la famiglia non sapeva dei problemi psichici del domestico

Bimbo precipitato dal balcone a Napoli, la famiglia non sapeva dei problemi psichici del domestico

Va da Zara e viene arrestata

Va da Zara e viene arrestata