Una svolta inaspettata

Per fornire un buon ambiente scolastico, a volte è necessario essere in grado di porsi domande difficili. Stai facendo abbastanza per combattere le molestie sessuali? Stai permettendo che i commenti sessisti possano aver luogo in classe? Inconsciamente, dai ai ragazzini maggiori diritti rispetto agli adulti e alle ragazze?

Risultati immagini per scuola


È facile accollare queste responsabilità agli insegnanti e al personale scolastico, ma i genitori hanno anche un ruolo chiave. Abbiamo tutti una responsabilità collettiva quando si tratta di insegnare ai nostri figli la differenza tra ciò che è giusto e ciò che non possiamo accettare. La storia che vi stiamo per raccontare è un perfetto esempio di quando dobbiamo ribellarci e cosa succede se non lo facciamo. Tutto è iniziato in una classe in cui una ragazza veniva costantemente molestata da un compagno di classe. Arrivò un momento in cui il ragazzo “per gioco” cercava di tirargli il reggiseno, fino a quando questo si ruppe, a quel punto la ragazzina decise che aveva già sopportato abbastanza. Ha colpito il ragazzo in faccia. Il direttore della scuola chiamò la madre della ragazza, e lì la storia prese una svolta inaspettata … Non abbiamo fotografie dei protagonisti né si sono divulgati i nomi degli insegnanti, genitori, o alunni presenti, ma abbiamo le dichiarazioni dirette dei presenti con relativa conversazione. Nonostante ciò, vogliamo raccontare ciò che è avvenuto perché ha davvero un messaggio importante che deve essere condiviso dato che molto spesso non si da abbastanza peso a questo genere di “abusi” scolastici, tra ragazzini e adolescenti. Ecco come l’ha raccontata la madre della ragazzina:

“Sono un’infermiera Non ci permettono di avere i telefoni con noi; dobbiamo conservarli negli armadietti, quindi se c’è qualcosa di urgente, i nostri parenti devono chiamarci alla reception dell’ospedale, con una linea privata…

Telefono: “La chiamo da scuola. Abbiamo avuto un incidente con sua figlia. Abbiamo bisogno che  lei venga. ”

Io: “E’ malata o ferita? Puo aspettare che il mio turno finisca tra due ore? ”

Telefono: “Sua figlia ha colpito uno studente. Abbiamo provato a chiamarla per 45 minuti. Quello che è successo è veramente serio. “

 

“Vado a scuola e loro mi indirizzano all’ufficio del preside. Vedo mia figlia, il suo tutore, l’insegnante, il direttore, un ragazzo con il naso sanguinante e una faccia rossa, anche i suoi genitori sono lì.”

Direttore: “Signora Gómez, beh, FINALMENTE è riuscita ad arrivare. ”

Io: “Sì, le cose erano difficili all’ospedale. Ho passato l’ultima ora mettendo 40 punti ad un bambino di 7 anni che è stato picchiato dalla madre con un cucchiaio di metallo e poi ho avuto a che fare con la polizia per fornire alcune informazioni a riguardo. Mi scuso per l’inconveniente causa dell’attesa. “

Risultati immagini per ufficio del preside

“Dopo aver visto come ha cercato di nascondere l’imbarazzato, mi dice cosa è successo: il ragazzo aveva rotto la chiusura del reggiseno di mia figlia e lei lo ha colpito in faccia due volte. Ho avuto l’impressione che fossero più arrabbiati con mia figlia che con il ragazzo.”

Io: “Ah! E mi avete chiamato per sapere se ho intenzione di denunciarlo per aver aggredito sessualmente mia figlia o la scuola per avergli permesso di farlo? “

“Tutti si innervosiscono quando menziono l’aggressione sessuale e iniziano a parlare allo stesso tempo.”

Insegnante: “Non penso sia così serio. Non esageriamo “

 

“La madre del ragazzo comincia allora a piangere. Mi rivolgo a mia figlia per scoprire cosa è successo.”

Figlia: “Continuava a tirare il mio reggiseno. Gli ho chiesto di smettere, ma non l’ha fatto, così l’ho detto all’insegnante. Mi ha detto di ignorarlo. Il ragazzo lo ha fatto di nuovo e ha rotto il mio reggiseno, così l’ho colpito. Poi si è fermato. “

Immagine correlata

Mi sono rivolta all’insegnante.

Io: “Gli ha lasciato fare questo? Perché non l’ha fermato? Vieni qui e lasciami toccare la parte anteriore dei tuoi pantaloni. ”

Insegnante: “Cosa? No!

Io: “Lo trova inappropriato? Perché non vai e tirare il reggiseno della madre del ragazzo proprio ora. Guarda quanto è divertente. Pensi che solo perché sono ragazzi è divertente? ”

Insegnante : “Sig.ra Gómez, con tutto il mio rispetto, sua figlia, anche avesse ragione, ha colpito un ragazzo”.

Io: “No. Si è difesa dalle molestie sessuali di un altro studente. Li guardi, lui misura 1.80 e pesa circa 76 kg. lei misura 1,52 e pesa circa 46 kg. Misura 30 cm in più e pesa quasi il doppio. Quante volte avrebbe dovuto permettergli di toccarla? Se la persona che avrebbe dovuto proteggerla durante le lezioni lo avesse fatto, lei non avrebbe dovuto colpirlo, cosa avrebbe dovuto fare? Gli ha tirato il reggiseno così forte che si è spezzato “

Risultati immagini per scuole superiori

“La madre del ragazzo sta ancora piangendo e suo padre sembra imbarazzato e arrabbiato. L’insegnante non mi guarda neanche in faccia.”

Io: “La porto a casa. Penso che il ragazzo abbia imparato la lezione e spero che nulla di tutto ciò succederà di nuovo, non solo a mia figlia, ma a qualsiasi altra ragazza in questa scuola. Se un atto del genere non può essere fatto tra gli insegnanti e lo staff della scuola, non vedo perché pensiate che un alunno possa farlo con una ragazza di 15 anni, questo è al di là della mia comprensione. Ho intenzione di riferire l’accaduto alle autorità. E se tu, (rivolgendosi al ragazzo), ti permetti di toccare di nuovo mia figlia, ti farò arrestare per violenza sessuale. Mi hai capito?

Ero così arrabbiata che ho raccolto le cose di mia figlia e me ne sono andata. Ho denunciato quello che è successo alle autorità, molti dei quali conosco la Chiesa (è una scuola cattolica) e mi hanno assicurato che avrebbero affrontato la questione con serietà. Ho anche denunciato l’accaduto agli addetti al controllo delle scuole pubbliche e sono rimasti inorriditi. Mi hanno assicurato che avrebbero preso provvedimenti. Mia figlia è stata cambiata di classe, lontano dall’insegnante e dal ragazzo.