Una timida bambina di 9 anni sale sul palco

Una timida bambina di 9 anni sale sul palco, nessuno immaginava ciò che stava per mostrare, ha lasciato il pubblico e la giuria senza parole

Home > Attualità > Una timida bambina di 9 anni sale sul palco

Questo è uno dei video più impressionanti che tu abbia mai visto nella tua vita. Una piccola bambina che all’inizio non sembra speciale, sale sul palco di un famoso show televisivo olandese per trovare talento (“Holand’s Got Talent”) e inizia a cantare l’opera come gli angeli. “Sono Amira, ho 9 anni e canterò qualcosa che nessuno si aspetta”, disse la bambina timidamente.

Amira Willighagen ha detto che sogna spesso di cantare di fronte a migliaia di persone e che la applaudono, mentre lei sorride e le saluta. Un sogno che ogni persona che ha qualcosa di vena artistica nel sangue vorrebbe soddisfare. Ma ciò che questa bambina porta nel suo sangue supera davvero tutto ciò che ci si può aspettare da un talento. La bambina inizialmente era molto nervosa, ma allo stesso tempo mette un grande impegno verso se stessa, la sua famiglia, il pubblico e la giuria. “Un piccolo errore non melo perdonerei” Ed è così che salì silenziosamente sul palco, oltre ad abbagliare con il suo viso angelico illuminato dai suoi meravigliosi occhi, lasciò completamente stupefatta la giuria che non riusciva a credere che un tale disco vocale potesse uscire da quelle piccole labbra. È davvero impressionante! L’angelica Amira Willighagen ha finito per vincere lo show televisivo! Bravo Amira! Ora ha 14 anni ed è diventata un punto di riferimento nel suo paese. Nel 2014 ha registrato il suo primo album e in sole due settimane è diventato un disco d’oro. Parte del reddito ricevuto è dedicato a sostenere un lavoro di beneficenza per creare parchi per bambini poveri.

Amira ama gli animali, scrive e pratica sport.

È davvero sorprendente e gratificante allo stesso tempo trovare doni privilegiati come questi.

E inoltre, usa il tuo talento non a suo vantaggio ma per risolvere qualcosa dei bisogni dei più svantaggiati. Un esempio da seguire!