uno spazzino che ha entusiasmato le reti

"Ti chiedo comprensione e rispetto" - La lettera di uno spazzino che ha entusiasmato le reti

Julio Cao de la Fuente lavora come spazzino, è un dipendente della società EMULSA Medioambiente del Consiglio Comunale di Gijón. Davanti ai pregiudizi della società verso il suo lavoro, ha deciso di condividere nei suoi social network un articolo che non ci ha messo molto a diventare virale.

L’articolo è stato scritto da Cristina González Moya per la rivista Aranjuez e Julio si è sentito identificato con il testo.“Mi presento. Sono uno spazzino, non uno ‘spazzam.rda’. Non devi ammirarmi, dovresti solo rispettami e valorizzami. Quando mi passi accanto, puoi darmi il buongiorno, il buon pomeriggio o la buonasera ”, inizia così il messaggio che sollecita i cittadini a offrire la loro istruzione e comprensione a coloro che si dedicano a questo lavoro.

“Prima di tutto sono un essere umano e nella vita valgono di più l’onestà, l’umiltà e la bontà di una persona, piuttosto che i suoi titoli o denaro”, continua il testo, sottolineando che siamo tutti uguali e ogni professione ha il suo valore. “Se mi vedi venire di notte, non insultarmi dicendomi che sono un alieno, non sono sceso da nessuna nave spaziale, se indosso un’uniforme luminosa e indosso coni riflettenti, spetta a te vedermi da lontano, per sicurezza”, continua.

Nell’articolo descrive come in diverse occasioni c’è stata gente che lo ha minacciato di investirlo, tra le risate sotto l’influenza dell’alcool. “Quando raccolgo la spazzatura dal tuo quartiere, non uscire di casa tua per gettare la spazzatura sul marciapiede e poi chiamarmi urlando.“

Esorta i conducenti a non gettare bottiglie o oggetti dal finestrino dall’auto dicendo: “Raccoglilo, è per quello che ti pagano”, perché dai un pessimo esempio ai tuoi figli ” ha aggiunto. Afferma di essere stanco e triste, si lamenta di essere pagato per lasciare impeccabili i marciapiedi e le strade in modo che all’alba le persone possano uscire di casa e vantarsi perché il loro quartiere è il più pulito.

Afferma che lo stato e le persone possono investire tutto il denaro in servizi di pulizia efficienti, ma se il cittadino non ha il rispetto necessario per mantenere adeguate misure d’igieniche a casa e nelle strade, non sarà di aiuto.”E non intendo solo coloro che rimuovono i contenitori in cerca di immondizia, ma bambini, adulti o anziani che gettano gusci, fogli di giornale, mozziconi di sigarette o contenitori a terra anche in mia presenza e quando ho appena spazzato” ha aggiunto.

Continua spiegando che è molto triste che dopo aver finito di pulire un’intera strada, guardando indietro c’è di nuovo spazzatura. Che la gente non ha apprezzato il loro lavoro e che c’è un materasso sul marciapiede, un sacco della spazzatura dentro un cestino che qualcuno ha sistemato in modo da non camminare verso il contenitore, che non raccolgono i bisogni dei cani, tra le altre cose.

Conclude dicendo: “ Non lamentarti dopo se ci sono parassiti, scarafaggi o ratti morti, che il tuo quartiere ha un cattivo odore. La colpa non è mia. La città appartiene a tutti e tra tutti dobbiamo occuparcene. Grazie mille per il tuo interesse e i tuoi saluti, firma “lo spazzino” ”.

Di seguito un video che sdrammatizza un po’ ma rende l’idea sul succo della questione.

L’articolo è stato condiviso da oltre duemila persone che hanno anche riconosciuto l’importanza di creare consapevolezza e offrire rispetto, tolleranza ed empatia a chiunque, indipendentemente dal lavoro. Abbiamo bisogno di un mondo più giusto, più equo.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Vicenza, scoperto il possibile movente dietro l'omicidio di Alessandra Zorzin: cosa è emerso

Vicenza, scoperto il possibile movente dietro l'omicidio di Alessandra Zorzin: cosa è emerso

Un uomo canta ai pazienti mentre li trasporta fuori dalla sala operatoria

Un uomo canta ai pazienti mentre li trasporta fuori dalla sala operatoria

Doveva operarsi per un tumore ma scopre che era tutt'altro

Doveva operarsi per un tumore ma scopre che era tutt'altro

Abbandonato alla nascita adesso è milionario

Abbandonato alla nascita adesso è milionario

Norm MacDonald, star della televisione d'oltreoceano, è morto a soli 61 anni

Norm MacDonald, star della televisione d'oltreoceano, è morto a soli 61 anni

Mamma 23enne di 11 figli ne vorrebbe altri

Mamma 23enne di 11 figli ne vorrebbe altri

Tragedia a Napoli, bambino di 4 anni caduto dal terzo piano: è morto

Tragedia a Napoli, bambino di 4 anni caduto dal terzo piano: è morto