Uova pericolose: sequestrati dai Nas 32mila pacchi sospetti

Sono stati 32mila pacchi sospetti di uova pericolose perché prive di tracciabilità e tenute in condizioni non ottimali. Ecco cosa si è scoperto dal blitz dei Nas.

Sono stati sequestrati 32mila pacchi sospetti di uova pericolose perché prive di tracciabilità e tenute in condizioni non ottimali.

I Nas hanno effettuato dei blitz nel mese di settembre in tutta Italia e sono stati sequestrati più di 32mila pacchi sospetti di uova, 4.600 galline ovaiole e 30 tonnellate di mangimi non regolamentati.

Sono state riscontrate anche 101 violazioni amministrative e penali e 7 operatori del settore sono stati denunciati per maltrattamento di animali e frode in commercio.

I carabinieri del Nas hanno effettuato dei controlli e su 373 obbiettivi, sono state individuate delle irregolarità in 66 casi.

È allarme salute, sono state sequestrate 26mila uova. I militari del Nas hanno trovato “situazioni di sovraffollamento nella stabulazione degli animali, mangimi in cattivo stato di conservazione, uova vendute per qualità diverse da quelle possedute, prive di tracciabilità o con stampigliature fuorvianti, detenute in condizioni e ambienti non idonei, in alcuni casi in strutture abusive“.

I carabinieri hanno anche constatato l’uso di depositi e di strutture di imballaggio delle uova che sono risultati non censiti, gli ambienti sono risultati mancanti dei minimi requisiti sanitari, strutturali e di sicurezza per i lavoratori.

Per questo motivo, alcune aziende sono state chiuse e altre sospese, in totale sono 9 e il loro valore ammonta ad oltre 2 milioni di euro.

Le violazioni invece ammontano a 130 mila euro, le uova, le galline e i 30 mangimi sequestrati invece hanno un valore di circa 185 mila euro.

Nella nota dei Carabinieri si legge: “Nel corso delle ispezioni sono stati anche eseguiti 133 campioni di uova, prodotti derivati e matrici ambientali, al fine di accertare l’eventuale impiego di sostanze non consentite, non solo in riferimento a disinfestanti ed insetticidi, ma anche all’uso indiscriminato di antibiotici e medicinali, nonché alla corretta somministrazione di alimenti zootecnici e dell’acqua. Gli esiti delle analisi di laboratorio finora pervenuti, pari al 30% dei reperti eseguiti nell’ambito del monitoraggio, non hanno evidenziato irregolarità“.

Ed ancora: “Gli interventi hanno consentito di individuare situazioni di significativa gravità e di impedire la prosecuzione di condotte lesive della lealtà commerciale e di potenziale pericolo per la salute, come la mancata adozione delle misure di biosicurezza, previste dai piani di controllo e sorveglianza per la prevenzione dell’influenza aviaria“.

Agrigento, Gaetano Maragliano e Martina Alaimo morti a soli 17 anni

Agrigento, Gaetano Maragliano e Martina Alaimo morti a soli 17 anni

Lucrezia Di Prima trovata senza vita: il fratello ha confessato l'omicidio

Lucrezia Di Prima trovata senza vita: il fratello ha confessato l'omicidio

La cantante R&B Emani è morta a 22 anni: vittima di un grave incidente stradale

La cantante R&B Emani è morta a 22 anni: vittima di un grave incidente stradale

Ragusa, Carmelo Vicari muore a soli 26 anni: era papà di due bambini

Ragusa, Carmelo Vicari muore a soli 26 anni: era papà di due bambini

Daniele Mondello pubblica anche la foto della maglietta del piccolo Gioele

Daniele Mondello pubblica anche la foto della maglietta del piccolo Gioele

Delitto di Novi Ligure, Erika e Omar sono liberi

Delitto di Novi Ligure, Erika e Omar sono liberi

Milano: è arrivata la condanna per la donna che ha ustionato suo figlio di 5 anni, con il ferro da stiro, per punirlo.

Milano: è arrivata la condanna per la donna che ha ustionato suo figlio di 5 anni, con il ferro da stiro, per punirlo.