Uovo kinder con sorpresa ‘razzista’? La scoperta di una mamma

L'azienda, la Ferrero Rocher, si è scusata con i consumatori, spiegando l'accaduto.

Home > Attualità > Uovo kinder con sorpresa ‘razzista’? La scoperta di una mamma

Una mamma australiana sostiene di essere rimasta scioccata dopo aver aperto la sorpresa di un uovo Kinder per il suo bambino, trovandoci dentro un giocattolo ‘razzista’.

Uovo kinder con sorpresa 'razzista'? La scoperta di una mamma

La mamma Kimberley, di Victoria, ha raccontato alla stampa locale di aver comprato l’uovo per il figlio di 15 mesi, Alexander, lo scorso fine settimana ma, quando lo ha aperto, ha trovato una figur con tre palloncini con tre lettere: KKK, ovvero le stesse iniziali del gruppo bianco suprematista del Ku Klux Klan.

La donna ha affermato che “inizialmente abbiamo riso per lo shock. È stato un po’ come dire: ‘Stiamo vedendo e leggendo questo, giusto?”.

Poi, una volta che lo shock iniziale è svanito, Kimberley ha dichiarato di essersi sentita male al pensiero che suo figlio avrebbe potuto giocare con quel giocattolo: “Non appena ho aperto la sorpresa, il giocattolo era in due parti. Ora, certo che K è anche l’iniziale di Kinder ma sembra ridicolo avere optato per tre palloncini con le tre K, senza che nessuno abbia preventivato il fraintendimento. Si tratta di marketing subliminale?”.

Uovo kinder con sorpresa 'razzista'? La scoperta di una mamma

Perciò, Kimberley ha deciso di scrivere alla casa madre delle uova Kinder, Ferrero Rocher, così da chiedere il significato del giocattolo e le è stato detto che fa parte di una edizione limitata per celebrare i 50 anni del prodotto.

La società, poi, ha diffuso una dichiarazione: “Ci scusiamo sinceramente per qualsiasi reato causato dalla deduzione che scaturisce dalla lettura delle 3 K accanto. Inizialmente era stato progettato un solo palloncino con una K. Tuttavia, sono stati aggiunti altri due palloncini per creare una struttura più robusta, dal momento che la sicurezza e la qualità dei nostri giocattoli sono la nostra priorità. Non avevamo assolutamente intenzione di creare associazioni con il Ku Klux Klan e ci scusiamo con i nostri consumatori”.

Uovo kinder con sorpresa 'razzista'? La scoperta di una mamma

“Noi non supportiamo in alcun modo quest’organizzazione – ha aggiunto la Ferraro Rocher – la K sui palloncini è stata pensata esclusivamente per rappresentare Kinder”. Comunque, di sorprese simili non dovrebbero esserci più in giro… certo è che ora i collezionisti farebbero carte false pur di avere questa sorpresa contraddittoria…