utilizzare vestiti nuovi senza lavarli

Se già sapevamo che non è igienico utilizzare vestiti nuovi senza lavarli, dopo aver conosciuto queste informazioni non userai mai più vestiti nuovi senza averli disinfettati.

A tutti piacciono i vestiti nuovi, così tanto che non vediamo l’ora di usarli. Ma ti sei mai assicurata di lavare i tuoi nuovi vestiti prima di indossarli? Sai che tipo di cose ci sono sui nostri vestiti? Se la tua risposta è no, con queste informazioni ti faremo cambiare idea. Se invece lo fai, probabilmente farai ancor più attenzione a lavarli.

Ci piace pensare che per il semplice fatto di essere “nuovi”, i nostri vestiti siano completamente puliti, ma non è così. Non possiamo mai essere sicuri delle condizioni igieniche dei nostri vestiti, fino a quando non ci assicuriamo di noi stessi che siano puliti. Per questo motivo, sono stati fatti innumerevoli studi per dimostrare agli acquirenti quanto sia importante lavare i nuovi vestiti prima dell’uso. Tanya Foster, giornalista per il programma di notizie CBS21, ha fatto le sue ricerche per assicurarsi la pulizia dei vestiti. Ha deciso di prendere una camicia, dei pantaloni, un vestito e un paio di scarpe, con la biancheria intima completamente scatolato, tutti assolutamente nuovi prodotti, freschi dal negozio, e li ha portati al laboratorio di scienze presso l’Università di Harrisburg, Pennsylvania. Dove avrebbero effettuato gli studi necessari. Ma Tanya, ha portato il suo esperimento un po’ oltre, ha preso gli stessi tipi di vestiti in un negozio dell’usato, per confrontare il livello di pulizia. E, contrariamente a quello che potremmo pensare, non c’era differenza tra vestiti nuovi e usati!

In entrambi erano presenti diversi tipi di microrganismi. Piccole cose che, se a contatto con la nostra pelle, potrebbero portare grandi problemi medici. Le nuove scarpe avevano un alto contenuto di batteri, a differenza di quelle usate, che erano completamente pulite. Ma la sorpresa più grande è stata la biancheria intima, in essa c’era il maggior numero di batteri dell’intero studio. Spiacevole, non è vero?

Non possiamo mai essere sicuri di quante persone hanno toccato i vestiti che stiamo comprando, o quanti li hanno provati. Altri studi hanno prodotto risultati ancora più disgustosi, come la materia fecale e persino le secrezioni vaginali. Ma il più comune è trovare la flora batterica delle secrezioni respiratorie.

I batteri possono vivere per giorni e persino settimane sui vestiti prima che muoiano. Funghi e parassiti possono rimanere molto più a lungo. E se la preoccupazione per i batteri non fosse sufficiente, le sostanze chimiche utilizzate per tingere i vestiti sono in grado di produrre abrasioni sulla nostra pelle, o casi di allergia; Alcuni esperti dicono che possono essere una delle cause del cancro della pelle.

Il Dr. Philip Tierno, direttore di microbiologia all’Università di New York, afferma: “La maggior parte delle persone non è consapevole. Non si rendono conto che molti individui li provano e vengono a contatto con alcune parti del loro corpo che possono trasmettere potenziali agenti patogeni” .

Pertanto, è meglio assicurarsi di lavare i nostri nuovi vestiti, se possibile con cicli di acqua calda e disinfettarli, per garantire che eliminiamo ogni traccia di contaminazione nei nostri indumenti.

Condividi queste informazioni utili con i tuoi amici.

Lockdown soft entro il 10 novembre: cosa prevede

Giuseppe Conte: "Siamo nello scenario 3. Poi c'è solo il lockdown totale"

Rimini, bimbo di 9 anni morto: il messaggio della società sportiva

Covid Campania, nuova ordinanza: chiuse anche materne e asili nido. Arzano sempre zona rossa

Scenario 4, rischio sempre più concreto per l'Italia: in cosa consiste, le limitazioni previste

Coronavirus, baciare i bambini li espone al contagio

Daniele Mondello e la melodia dedicata a Viviana e Gioele