Va da Zara e viene arrestata

Ritorna da Zara per restituire un capo di abbigliamento ma si ritrova con una condanna di 6 mesi di carcere...Ecco cosa faceva questa cliente fissa molto furba

Molti negozi di abbigliamento offrono ai clienti la possibilità di restituire i capi, a condizione che non siano stati utilizzati e abbiano la prova di acquisto. Questo è ciò che una donna spagnola ha usato nella famosa catena di negozi Zara per commettere una truffa. Tania M.A. È una trentunenne di Saragozza che adora vestirsi bene ed essere alla moda.

Quindi, in una dimostrazione di creatività orientata male, le è venuto in mente di cambiare vecchi vestiti con vestiti nuovi nei negozi Zara di Saragozza. Con un’abilità incredibile, ha scambiato le etichette interne ed esterne dei suoi vecchi vestiti, con quelle dei nuovi vestiti che arrivavano alla filiale. “Ho fatto attenzione che le etichette fossero apposte su capi con tonalità e trame simili ai nuovi vestiti. Era un lavoro accurato e delicato, in modo che non si rendessero conto dell’inganno”.

Si presentava presso un negozio Zara e chiedeva di cambiare della merce che aveva acquistato. Tutto era pianificato, non sempre andava nello stesso stabilimento, ma visitava le tre sedi di Zara che si trovano nella città di Saragozza, nelle aree di Grancasa, il Paseo de Las Damas e Puerto Venecia.

Per evitare il contatto diretto con i gestori, ha sempre pagato e chiesto il ritorno sulla sua carta di credito. Se fatto in contanti, la questione era un po ‘complicata perché il cassiere aveva bisogno dell’autorizzazione del supervisore e in questo modo rischiava di essere scoperta.

Ma qualcosa ha fermato il suo procedimento illegale, i sistemi di controllo interno di Zara hanno scoperto la frode. I responsabili dei tre negozi in cui sono stati commessi i crimini, lo hanno riferito al Dipartimento per la sicurezza.

Un semplice incrocio di dati ha portato la stessa persona a eseguire sei di queste operazioni tra ottobre 2017 e marzo 2018. Il negozio Zara ha proceduto legalmente contro Tania e per sei mesi è stata privata della sua libertà.

“Il fatto che entrambe le etichette interne ed esterne siano coincidenti e che siano posizionate esattamente in capi di colore simile, dimostra il meccanismo ingannevole e il motivo del profitto, perché in questo modo ha rinnovato il guardaroba a costo zero”, ha affermato il giudice del caso.

L’imputata ha sempre negato le accuse e durante il processo ha affermato di non saper cucire. Ma poiché non ha precedenti penali, esiste la possibilità che possa ottenere la sospensione della pena. Quello di cui puó essere certa è che non potrà mai più entrare negli stabilimenti del marchio Zara, almeno in Spagna.

È un peccato che Tania non abbia prestato attenzione alla frase ampiamente usata “Il crimine non paga”. Se ci mettiamo nei guai dovremmo sempre assumercene  le conseguenze.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

L'ultimo saluto a Marika Galizia, mamma morta a 27 anni durante il parto

L'ultimo saluto a Marika Galizia, mamma morta a 27 anni durante il parto

Dramma a Castelleone, il piccolo Leone Migliorati è stato trovato morto nella sua abitazione: aveva 11 anni

Dramma a Castelleone, il piccolo Leone Migliorati è stato trovato morto nella sua abitazione: aveva 11 anni

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Neo mamma muore cadendo dal balcone ad Ancona: ipotesi suicidio

Neo mamma muore cadendo dal balcone ad Ancona: ipotesi suicidio

Omicidio di Chiara Ugolini: Emanuele Impellizzeri si uccide in carcere

Omicidio di Chiara Ugolini: Emanuele Impellizzeri si uccide in carcere

Giacomo Sartori: ancora troppi gli interrogativi sulla sua morte. Nessuna denuncia

Giacomo Sartori: ancora troppi gli interrogativi sulla sua morte. Nessuna denuncia

L'ultimo commovente addio a Gabby Petito, la travel blogger trovata senza vita

L'ultimo commovente addio a Gabby Petito, la travel blogger trovata senza vita