Va in ospedale per un mal di denti, morta 26enne

Va in ospedale per un mal di denti: 26enne violentata e uccisa dal personale sanitario.

Home > Attualità > Va in ospedale per un mal di denti, morta 26enne

Va in ospedale per un mal di denti: 26enne violentata e uccisa dal personale sanitario. Questa è una tragica storia di violenza ed è accaduta in Pakistan, la vicenda sta circolando sul web in particolare su Twitter dove è stato creato l’hashtag #Justiceforasma.

Una ragazza di 26 anni stava soffrendo di mal di denti così si è recata presso l’ospedale Sindh Government Hospital di Korangi, secondo la ricostruzione degli agenti, dopo alcune ore la famiglia della 26enne avrebbe ricevuto una telefonata dall’ospedale dove venivano comunicate le condizioni critiche della giovane. Così la mamma di Asma, è corsa in ospedale ed ha trovato sua figlia morta su una barella nell’angolo di un corridoio. Inizialmente i medici hanno spiegato alla famiglia che Asma era morta in seguito ad una forte reazione allergica a un antibiotico.

Va in ospedale per un mal di denti, morta 26enne

È stata effettuata l’autopsia sul corpo della ragazza che ha svelato cosa è realmente accaduto: non è stata individuata nessuna ferita sul corpo ma è stata violentata. Inoltre, è stato scoperto che nelle sue vene è stata iniettata una sostanza tossica probabilmente per sedarla. Nei guai sono finiti paramedici, infermieri e un dottore che ora verranno sottoposti a un processo. Per il momento sono stati arrestati solo tre sospetti, tutti dipendenti dell’ospedale e ora la polizia sta cercando di rintracciare il quarto che si è dato alla fuga, il dottor Ayaz.

La notizia sta circolando ovunque e sui social, in particolare su Twitter, sono in tanti gli utenti che stanno scrivendo messaggi di cordoglio e indignazione per ciò che è successo alla giovane ragazza, tanti urlano giustizia. Molti personaggi famosi sono rimasti colpiti da questa vicenda, una celebre modella, attrice e designer di nome Nadia Hussein, ha scritto su Twitter: “Fottuti mostri, possiate marcire all’inferno”.