Venti giorni in isolamento al buio: la scommessa surreale

Un giocatore di poker australiano ha scommesso di poter passare un mese da solo nell'oscurità: il suo risultato? Venti giorni in isolamento al buio

Home > Attualità > Venti giorni in isolamento al buio: la scommessa surreale

Quanto pensi che potresti resistere da solo, senza luce? Lo faresti se ci fosse un montepremi da centomila dollari in ballo? Un audace giocatore di poker australiano ha deciso di scommettere che avrebbe potuto trascorrere almeno un mese in queste condizioni. Ha resistito venti giorni in isolamento al buio.

Tutto è iniziato lo scorso autunno da una discussione tra amici. Il giocatore di poker australiano Rory Young ha chiesto al suo amico e appassionato di poker Rich Alati per quanto tempo pensava di poter vivere in una piccola stanza buia senza alcuna interazione umana.

La risposta di Alati è stata “30 giorni!”, ma non sembrava realistica a Young. Così, da lì è stato impostato il palcoscenico per un’insolita scommessa. Entrambi i giocatori hanno puntato 100.000 dollari, che sarebbero stati accreditati al termine della scommessa.

Con un premio così alto le condizioni per l’esperimento dovevano essere molto chiare: per questo è stato redatto un contratto legale di 11 pagine ed è stato nominato un gruppo di tre giudici per garantire che Alati rispettasse tutte le linee guida concordate.

La location è stata un piccolo bagno in una località nascosta di Las Vegas, allestito con un letto e un frigorifero (con le luci rimosse). Ad Alati è stato stato permesso di avere accesso a qualsiasi cibo che voleva, ma senza comunicare con nessuno.

Per tutta la durata dell’esperimento ha anche dovuto fornire regolarmente campioni di urina per dimostrare che non stava assumendo alcun farmaco per facilitare la sua permanenza nella camera oscura.

Al fine di monitorare Alati in ogni momento per garantirne la salute ha anche permesso ai familiari preoccupati di tenerlo d’occhio con una livestream privata di 24 ore. A metà dell’esperimento, la sicurezza del protagonista ha iniziato a vacillare.

All’alba del ventesimo giorno, Alati ha rinegoziato il patto e ha deciso di dare più di 62.000 euro al suo amico per farla finita, dicendo che si sentiva impazzire. Adesso, pare che ci sia un altro giocatore interessato alla scommessa, ma per ora non sono state rilasciate dichiarazioni.