Venti minuti senza segni vitali

Il ragazzo non aveva segni vitali da ormai 10 minuti, L'equipe non sapeva se darlo per spacciato o continuare a cercare di rianimarlo, ma il dottore è stato chiaro "Dobbiamo riportarlo indietro!" e dopo 20 minuti

Home > Attualità > Venti minuti senza segni vitali

Una famiglia del Michigan ha affrontato una delle sue più grandi paure. Dopo un incidente imprevisto, il giovane Michael Truitt è stato fulminato al contatto con un cavo ad alta tensione. La sua famiglia pensava di averlo perso per sempre, ma grazie all’insistenza dei medici, Michael tornò in vita dopo aver passato 20 minuti senza segni vitali.

Michael vive nella città di Livonia, nel Michigan. Soddisfando la sua routine, Michael era in una casa per fare una serie di collegamenti elettrici con il suo patrigno. Senza capire l’enorme pericolo che significava, il giovane ha preso una scala metallica e si avviò verso la un’altra casa accanto, dove c’era una serie di cavi ad alta tensione. Nel momento in cui la scala entrò in contatto con uno di loro, il ragazzo subì un enorme shock. L’elettricità scorreva su tutto il corpo di Michael e attraverso le dita della sua mano sul pavimento. Il proprietario della casa ha agito rapidamente e ha chiamato il 911. Mentre l’aiuto arrivava, si avvicinò a Michael per eseguire l’animazione cardiopolmonare, ma nulla sembrava funzionare. Dopo quattro minuti arrivò l’ambulanza e scoprì che le condizioni del giovane erano estremamente allarmanti. Durante tutto il viaggio hanno cercato di rianimarlo con il defibrillatore ma non sono riusciti a riportarlo indietro. Tutti hanno iniziato a sospettare che il peggio sarebbe successo. “Se passano cinque minuti, l’ossigeno smette di raggiungere le cellule cerebrali.”

Una volta arrivato all’ospedale di Beaumont è stato curato dal dott. Angel Chudler. Per molti questo poteva essere un caso senza speranza. Anche se avevano già avuto le peggiori previsioni contro di lui, Chudler ha deciso che semplicemente non aveva intenzione di arrendersi e ha incoraggiato la squadra medica a continuare a lottare per la vita di Michael.

“Ho visto che era un giovanotto. Ho detto alla mia squadra che dovevamo riportarlo indietro. Gli ho anche detto ‘è meglio che torni.’ ”

Hanno continuato a utilizzare il defibrillatore senza sosta. Alla fine, dopo circa 20 minuti, il giovane aprì gli occhi e tornò in sé. La sua guarigione era praticamente impossibile, tutti nella stanza erano scioccati e sicuri di aver assistito a un vero miracolo.

Aveva trascorso molto tempo senza vita, quindi la paura principale degli specialisti era che soffrisse di danni cerebrali . “Quando ha ripreso conoscenza sembrava Hulk. Ha afferrato i binari e scosso il letto molto forte. ”

Non c’è dubbio che Michael avesse un’eccellente squadra medica che non era disposta a lasciarlo andare senza combattere per la sua vita. Oltre a sopravvivere, non ha subito danni cerebrali e se l’è cavato solo con un infortunio al dito.

Condividi questo vero miracolo per celebrare che Michael è sopravvissuto ed è completamente sano dopo una situazione così critica.