viene arrestata

La donna che ha lasciato il suo bambino in un portone con una lettera emotiva, viene arrestata

Home > Attualità > viene arrestata

Purtroppo molti bambini vengono al mondo senza trovare la protezione e l’amore di cui hanno bisogno mentre sono vulnerabili e dipendenti dalle cure degli adulti. Alcuni sono nati per affrontare il dolore dell’abbandono, crescono cercando di sopravvivere in condizioni deplorevoli che non favoriscono lo sviluppo ottimale del loro benessere fisico ed emotivo.

Ecco perché è così importante promuovere la pianificazione familiare, così come la difesa dei diritti dei minori. Una donna identificata come CFC, Honduras, 23 anni, ha abbandonato il suo neonato poche ore dopo essere uscita dall’ospedale, dove ha dato alla luce il 19 maggio presso l’Ospedale de los Arcos del Mar Menor. La donna arrivò da sola all’ospedale, non fu accompagnata dal padre del bambino. Aveva rotto il rapporto con il padre durante la gravidanza. Non portava nemmeno la tipica valigia con gli effetti personali del bambino per il tempo di permanenza e i giorni in cui dovevano rimanere, tutto ciò che aveva era una borsa di un negozio commerciale. È stata ricoverata in ospedale per tre giorni in cui non ha ricevuto la visita di alcun familiare, suo padre vive in Honduras e sua madre a Cartagena, con lei non era in comunicazione da ormai tre mesi. La madre non ha un lavoro o una casa propria, vive nella casa di un’amica che le ha offerto alloggio. Mercoledì 22 maggio dopo l’ultima visita medica, la minorenne è partita con sua figlia e si è fermata davanti a un blocco di edifici in Calle Las Cortes, sul 28 ° portale di Murcia.

Quando notò che la porta era aperta, si sporse e notò la presenza di un carrozzino rosso che un vicino avrebbe lasciato lì. CFC ha deciso di lasciare il suo bambino in quel carrello, ha anche lasciato dei pannolini e una nota scritta che ha scosso le reti.

“È stato difficile per me prendere questa decisione, ma è la cosa migliore per lei. Non posso prendermi cura di lei in questo momento , è la decisione più difficile che abbia dovuto prendere come madre e donna, ma voglio un futuro migliore per lei”, ha scritto.

Lasciò il bambino nel portone alle tre del pomeriggio, pochi minuti dopo il bambino che piangeva aòllarmò i vicini di. Per più di 10 minuti la ragazza rimase a piangere finché un vicino di casa aprì la porta del suo appartamento e scese le scale con preoccupazione.Una donna identificata come Sanae, di origine marocchina e di 32 anni, notò che nel portone qualcuno aveva lasciato un presunto bambino abbandonato.

Per coincidenza, il passeggino in cui giaceva il bambino era il suo, immediatamente ha chiamato il servizio di emergenza per richiedere un’ambulanza e avvisare le autorità. Gli agenti di polizia sono andati sul posto e hanno trovato una scena straziante. “Una donna ci stava aspettando con una bambina in braccio e una lettera d’addio. La bambina aveva ancora il cordone ombelicale attaccato con un morsetto, questo aveva un numero seriale che ci permetteva di localizzare la storia clinica della madre. ”

Inmaculada, Gonzalo e Riqui, i tre agenti di polizia di San Javier hanno intrapreso un’operazione per localizzare la madre della piccola. Nel frattempo, portarono il bambino all’ospedale dove scoprirono che era in buona salute. La Comunità Autonoma eseguirà il protocollo provvisorio di custodia per un minore tramite il servizio di protezione dell’infanzia del consulente familiare.

La polizia e gli agenti della Guardia Civil hanno trovato il numero di telefono della madre del minore. Alla fine, la trovarono, la giovane donna lasciò la casa di un amico e trovò gli agenti che la trovarono piangendo e molto nervosa. È stata trasferita nella stazione di polizia dove ha dichiarato: “Non sapevo cosa fare perché non avevo l’aiuto di nessuno ed ero disperata”.

Dopo che la madre ha concluso la sua relazione, ha nascosto la gravidanza a sua suocera. Durante i primi mesi di gravidanza ha provato a lavorare come commessa, ma non ha funzionato. Prima della polizia e degli agenti della Guardia Civil, la donna ha detto che dopo aver lasciato l’ospedale camminando per la strada ha sentito un attacco di ansia che l’ha motivata ad abbandonare sua figlia.

L’indagine verificherà se C.FC. che vive in Spagna da 6 anni, ha abbandonato sua figlia a causa delle difficoltà della sua famiglia e della situazione economica o della depressione postpartum, tra gli altri fattori. Si è appreso che la donna ha un altro figlio, il padre è responsabile della custodia perché non poteva tenerlo.

 

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI