Volevo solo un piercing al naso

"Volevo solo un piercing al naso, ma pochi giorni dopo, quando mi svegliai, non sentivo niente dal petto in giù. Non immaginavo che mi sarei ritrovata a vivere su una sedia a rotelle per questo. Voglio raccontare la mia storia per diffondere consapevolezza."

Home > Attualità > Volevo solo un piercing al naso

Layane Dias è una ragazza di 20 anni proveniente dal Brasile che affronta difficili sfide dopo aver fatto un piercing al naso nel giugno dello scorso anno. Non ha mai pensato a come quell’accessorio avrebbe potuto cambiare completamente la sua vita, dopo aver contratto un’infezione del sangue. “Non sentivo niente dal petto in giù” , ha detto la ragazza nel suo profilo Instagram.

Dopo che la perforazione è stata fatta, il naso ha sanguinato e quando sono passati alcuni giorni, ha cominciato a sentire dolore e arrossamento nella zona, e ha avuto l’infiammazione. Ha anche sofferto di febbre e intensi mal di schiena, ha pensato che si trattasse di sintomi normali, ha applicato creme nella zona e ha preso antidolorifici a casa. Andò dal dottore, fece i raggi X sulla schiena e non le fu diagnosticata alcuna malattia. Ma con il passare dei giorni lei sentiva ancora dolore, così andò all’ospedale, era terrorizzata dal fatto che non potesse muovere le gambe. La curarono nel pronto soccorso e i dottori scoprirono che aveva un’infezione al sangue e insensibilità alle gambe. Gli è poi stato ordinato di sottoporsi a una risonanza magnetica dove hanno potuto vedere che aveva del pus nelle sue vertebre, che generava pressione sul suo midollo spinale causando insensibilità dal petto verso il basso. Aveva un totale di 500 millilitri di pus, ha dovuto subire una procedura chirurgica di emergenza per rimuoverlo. Oswaldo Ribeiro Marquez, uno dei medici che l’hanno curata, ha stabilito che è colpa di un batterio chiamato Staphylococcus aureus che trasmette le malattie attraverso il flusso sanguigno.

“Il medico mi ha chiesto se avessi una ferita al naso o qualcosa di simile, perché come ha spiegato, quel batterio è solitamente generato nelle narici.

È stato allora che gli ho detto che avevo fatto un piercing al naso il mese precedente “, ha detto Layane.

Quando il dottore confermò che il piercing era stato la porta d’ingresso dei batteri sul suo corpo, era stordita, non riusciva a crederci.

Il Dott. Ribeiro ha detto che durante i suoi 15 anni di carriera non aveva visto un caso simile.

Non pensava che un semplice piercing al naso potesse avere conseguenze così pericolose, mesi dopo aver ricevuto la diagnosi non perdela speranza di ritrovare la sensibilità e di camminare di nuovo.

Nel frattempo, si muove su una sedia a rotelle.

Recentemente, Layane ha voluto diffondere il suo caso sui social network per aumentare la consapevolezza sui rischi di questo tipo di perforazione. Condividilo