Cellulite: quali sport fare e quali evitare per sconfiggere la buccia d’arancia

Correre e fare spinning non contrastano la cellulite, lo sapevate?

 

Da anni ci sentiamo ripetere che la cellulite si combatte prima di tutto con il movimento. Questa affermazione non è totalmente vera. Non tutti gli sport sono adatti e non sempre ci regalano l’effetto desiderato. Quante fanno ginnastica e continuano ad avere la famigerata buccia d’arancia? Perché se è vero che siamo un popolo di sedentari, è anche vero che una fetta di popolazione si impegna moltissimo negli allenamenti e ha molto a cuore la sua forma fisica. Nonostante questo, nonostante un peso leggero, la cellulite continua a esserci.

Che cos’è esattamente la cellulite?

È una patologia (brutta definizione, ma è la più corretta purtroppo) molto frequente nella donna, predilige gli arti inferiori e i glutei ed è favorita dagli estrogeni che, causando una ritenzione di liquidi, contribuiscono a innescare un processo di aumento di volume, e rottura, delle cellule del pannicolo adiposo sottocutaneo, con conseguente alterazione del microcircolo e creazione di uno stato infiammatorio che dà origine alla caratteristica pelle a buccia di arancia e ai vari stadi della cellulite.

Ovviamente non è tutta colpa degli ormoni, anche se la responsabilità più grande tocca a loro. Concorrono nello sviluppo della cellulite anche lo stile di vita sedentario, il sovrappeso, la stipsi, l’abuso di fumo e di alcol, lo stress, una dieta ricca di grassi e sali e una predisposizione ai problemi circolari.

Come scegliere gli sport più adatti?

gambe
Per gambe belle bisogna scegliere lo sport giusto

È importante fare movimento sempre, non soltanto quando ci ricordiamo della prova costume. Deve essere un allenamento dolce, regolare e volto a migliorare la circolazione. Bisogna quindi evitare tutti gli sport intensivi e anaerobici. Per quale motivo? Stimolano la produzione di acido lattico, un alleato della cellulite. Favorisce, infatti, la formazione di tossine muscolari che hanno effetti negativi sulla circolazione e sull’ossigenazione dei tessuti.

Quali sport evitare?

corsa
Evitate la corsa

La corsa, il cicloturismo, ma anche lo spinning ad alta intensità non sono adatti. Non va bene neanche il sollevamento pesi. Questi sport obbligano a una posizione innaturale, come stare seduti a lungo, inoltre gli impatti cui sottopongono le gambe possono provocare delle microlacerazioni. Sono da evitare anche l’atletica pesante, lo sci alpino, il tennis, lo squash e tutti gli sport caratterizzati da continui scatti e un eccessivo sovraccarico degli arti inferiori e superiori.

Quali sport favorire?

ginnastica acqua
Sì agli sport in acqua

Se la corsa è out, la camminata veloce, invece, è adattissima. Ci vorrebbero 40 minuti al giorno per sconfiggere la buccia d’arancia. Sono consigliate tutte le attività in acqua, dal nuoto all’aquagym, all’idrobike, perché oltre allo movimento ginnico si associa il dolce massaggio dell’acqua. Ottima anche la camminata nordica, con cui lavorano anche le braccia.

… se lo sport non bastasse?

 

Molto spesso allo sport bisogna aggiungere una dieta ricca di frutta e verdura. Dovete bere un paio di litri di acqua al giorno, ridurre l’apporto di sale (a crudo usate quello iposodico) e magari fare qualche trattamento. Si possono ottenere ottimi risultati con i massaggi linfodrenanti. Non sono risolutivi, ma possono smuovere i ristagni di liquidi e, inseriti in uno stile di vita sano, fanno la differenza. In più è una coccola molto piacevole.

Foto Crediti: ruixinxin.com; www.protec-sport.fr; self.com