Ora legale addio? L’Unione Europea ci sta pensando

L’ora legale potrebbe sparire per sempre. Siamo cresciuti sapendo che due volte l’anno avremmo dovuto spostare le lancette dell’orologio: avanti e indietro, in autunno e in primavera, per passare dall’ora solare all’ora legale e viceversa. E ogni volta ci lamentiamo, perché magari soffriamo di disturbi del sonno e di altre problematiche legate al cambio dell’ora. Senza tralasciare il fatto che molto spesso ci dimentichiamo di spostare gli orologi: anche a voi è capitato almeno una volta? Fortuna che il passaggio viene fatto nella notte tra sabato e domenica. Presto, però, questi pensieri potrebbero sparire!

Il Parlamento Europeo infatti ha detto che il passaggio all’ora legale ha più svantaggi che vantaggi. Per questo l’ora legale dovrebbe essere abolita. La proposta di risoluzione dovrà essere votata dal parlamento Europeo nella Plenaria in corso a Strasburgo. A chiederlo la deputata francese del gruppo Ale e presidente della Commissione per i trasporti e il turismo Karima Delli.

La risoluzione è sostenuta da deputati del Nord, Centro ed Est Europa. I firmatari sottolineano che l’abitudine di cambiare l’ora due volte l’anno potrebbe provocare danni anche molto seri alla nostra salute, anche se gli studi scientifici a riguardo sono talvolta discordanti. E’ vero, comunque, che un po’ soffriamo tutti nei giorni del cambio!

I firmatari chiedono alla Commissione dell’Unione Europea di eseguire una valutazione approfondita sulla direttiva comunitaria che regola il passaggio all’ora legale, per avere, se necessario, una proposta di revisione. Heidi Hautala, eurodeputata verde finlandese, in conferenza stampa a Strasburgo spiega le ragioni di questa scelta.

Turbare due volte all’anno l’orologio interno degli individui porta danni alla salute: la nostra richiesta è basata su decine di studi“. Anche se, in realtà, gli esperti non sono ancora tutti concordi sugli effettivi danni che il cambio dell’ora comporta in animali e uomini.

Voi sareste contenti?

di Patrizia