Unghie fragili: come rinforzarle

Dopo i vari trattamenti estivi, per averle sempre bellissime, è giunto il momento di fare una pausa e di cucurarle.

Home > Bellezza > Unghie fragili: come rinforzarle

Durante l’estate, la maggior parte di noi avrà sicuramente trattato le unghie di mani e piedi, con smalti gel, semipermanenti, per averle sempre in ordine. Ma ora è giunto il momento di porre un freno e far respirare le nostre unghie fragili, ecco come rinforzarle.

L’idratazione

Lascia che le tue unghie possano riprendersi e abbandona gli smalti colorati per un bel po’ di tempo.

E’ importante agire  dall’esterno applicando quotidianamente creme idratanti per mani e unghie.

Potete anche fare degli impacchi, ma il consiglio è  usare prodotti delicati e naturali.

Per esempio, potete applicare sulla punta delle dita delle mani l’olio di oliva,  la sera prima di coricarsi.

Basterà massaggiare l’olio per qualche minuto, indossare un guanto di cotone e lasciare in posa tutta la notte.

Dona nuova forza alle unghie

Contro sfaldamenti e rotture è importante utilizzare prodotti che possano rinforzare le unghie fragili. Esistono degli smalti trasparenti,  ma anche oli vegetali puri come quello di argan e creme per le mani con  cheratina, vitamine e acido ialuronico.

Questi ingredienti idratano e nutrono le unghie.

Pare che anche il the verde aiuti a rinforzare le unghie. Basta immergere la punta delle dita della mano per una decina di minuti in una tazza piena di tè, prima di iniziare la manicure.

Lo smalto

Dopo un periodo di pausa, potete mettere nuovamente lo smalto alle unghie, ma preferite quello tradizionale e con una formula arricchita con vitamine e minerali che danno.

Inoltre, per togliere il colore, utilizzate  solo solventi oleosi che non disidratano la cute.

L’alimentazione  per le unghie

Inoltre, anche le unghie risentono di un’alimentazione scorretta, per cui la carenza di ferro e di calcio, ad esempio, compromette la salute delle unghie.

Mangiare cibi con le vitamine A, B6 e B12, silicio, zolfo e aminoacidi solforati. Prediligire un’alimentazione varia, ricca di verdura e di frutta, ma anche uova, latticini e legumi.