Carie, cause e fattori di rischio

Carie, cause e fattori di rischio da non sottovalutare mai, per proteggere il nostro sorriso ed evitare problemi!

Home > Benessere > Carie, cause e fattori di rischio

Carie, cause e fattori di rischio: quanto ne sappiamo di igiene orale? Prendersi cura del proprio sorriso è assolutamente fondamentale. Per evitare di finire dal dentista (dove dovremmo comunque fare visite di routine, ogni anno) quando ormai il danno è stato fatto. Conoscendo come si forma la carie, possiamo fare dell’ottima e salutare prevenzione.

Carie

La carie è una malattia le cui cause possono essere diverse e possono essere esogene ed endogene. Si parla anche di predisposizione genetica. Ci sono persone che non ne soffrono in modo particolare e altre che, invece, ne sono particolarmente soggette. La famigliarità potrebbe però derivare anche da cattive abitudine tramandate di generazione in generazione.

Cause endogene

Sono diverse le cause endogene che provocano un aumento del rischio di soffrire di carie. La saliva aiuta a proteggere i denti e quando la salivazione si riduce o ha un pH più basso, come in gravidanza, la nostra bocca è più esposta ai batteri. La somministrazione di alcuni farmaci come gli antistaminici, usati in caso di allergia, e gli antidepressivi, usati in caso di depressione, possono giocare un ruolo non indifferente.

Ci sono poi delle particolarità dei denti che possono aumentare il rischio di soffrire di carie, come denti molto distanziati tra loro, ad esempio.

carie cause

Cause esterne

La placca dei denti è una delle cause più importanti. Senza dimenticare che l’alimentazione sbagliata è spesso l’indiziato numero uno. No a troppi zuccheri, fin da bambini. Perché il saccarosio è il nutrimento perfetto per i batteri che così possono proliferare felici e contenti. Anche chi fuma è più soggetto a soffrire di carie. Inoltre non dimentichiamo che le sigarette fanno male alla salute. E non solo a quella dentale.

Tra gli altri fattori di rischio ricordiamo l’età (colpisce soprattutto tra i 4 e gli 8 anni e tra i 13 e i 18), la razza (chi ha la carnagione bianca è più soggetto), il sesso (le donne sono più soggette), la gravidanza, malattie come la diarrea, l’anemia, la febbre tifoide, la tossicodipendenz e i disturbi alimentari.