Cos’è il dito del piede di Morton, il disturbo di cui soffre anche Meghan Markle

Avete mai sentito parlare del dito del piede di Morton? È un disturbo abbastanza comune. Un disturbo di cui soffre anche Meghan Markle.

Home > Benessere > Cos’è il dito del piede di Morton, il disturbo di cui soffre anche Meghan Markle

Cos’è il dito del piede di Morton? Ne avete mai sentito parlare? Sappiate che ne soffrono diverse persone nel mondo e tra queste ce n’è una davvero molto famosa, sotto i riflettori internazionali in queste ore perché dovrebbe dare alla luce un Royal Baby.

Ebbene sì, Meghan Markle, moglie del principe Harry, soffre del dito del piede di Morton. Ma che cos’è esattamente?

dito del piede di Morton

Il dito del piede di Morton è un disturbo che si manifesta quando nel piede le due dita successive all’alluce sono più lunghe di quest’ultimo.

Si nota molto facilmente. Appena ti metti un paio di sandali ai piedi o ti mostri a piedi nudi da qualche parte, salta subito all’occhio.

La Duchessa del Sussex ha messo in evidenza questa particolarità del suo secondo e terzo dito del piede durante dei viaggi con il marito, nei quali ha indossato dei sandali aperti.

Meghan Markle e Harry

Si tratta di una condizione genetica che porta il secondo metatarso a essere più lungo del primo, rendendo il secondo dito del piede più lungo dell’alluce. Si manifesta nel 10-20% della popolazione e si può anche chiamare piede greco o punta reale.

Quindi chi meglio di Meghan Markle, moglie di un principe inglese, poteva soffrire di un disturbo del genere? Il termine piede greco deriva dal fatto che molte statue greche sono state realizzate con questa caratteristica singolare. Si vede che agli antichi greci piaceva. O era un fatto piuttosto comune.

Meghan Markle

Vi siete mai accorti che anche la Statua della Libertà ne soffre? Ebbene sì! Il disturbo non è privo di problemi, però, perché a lungo andare la lunghezza del secondo dito, maggiore a quella dell’alluce, può portare a soffrire di dolore ai piedi, perché il secondo dito è predominante in ogni passo e può portare ad avere una postura non corretta.

È anche più facile soffrire di lividi, unghie nere, iperpronazione, con il piede che è troppo ruotato verso l’interno quando si cammina.